Meta si prepara a licenziamenti di massa, stando al Wall Street Journal

Stando alle fonti del Wall Street Journal, questa settimana Meta annuncerà un taglio di personale su larga scala, con migliaia di dipendenti che rischiano di perdere il lavoro.

NOTIZIA di Stefano Paglia   —   07/11/2022
62

Meta, la compagnia madre di Facebook, Instagram e Whats App, sarebbe pronta a un taglio del personale su larga scala, con migliaia di persone che potrebbero perdere il lavoro questa settimana, stando a un report pubblicato sulle pagine del Wall Street Journal.

Le fonti della testata affermano che l'annuncio ufficiale dei licenziamenti da parte di Meta arriverà mercoledì 9 novembre, con la compagnia che a quanto pare avrebbe "detto agli impiegati di cancellare i viaggi non essenziali all'inizio di questa settimana".

Se queste indiscrezioni venissero confermate, sarebbe il primo grande taglio di personale per Meta sin dalla sua fondazione come Facebook, avvenuta 18 anni anni fa. Alla fine di settembre, la compagnia aveva dichiarato di avere oltre 87.000 dipendenti in tutto il mondo.

Un portavoce di Meta ha rifiutato commentare la questione, tuttavia ha ricordato al Wall Street Journal una recente dichiarazione di Mark Zuckerberg sul fatto che la compagnia si concentrerà in futuro su "investimenti su un piccolo numero di settori in crescita ad alta priorità".

Di conseguenza, "alcuni team cresceranno in maniera considerevole, ma la maggior parte degli altri rimarrà invariato o verrà ridotto nel corso del prossimo anno", aveva detto Zuckerberg.

Mark Zuckerberg, CEO di Meta
Mark Zuckerberg, CEO di Meta

Nei mesi scorsi Meta ha iniziato a licenziare il suo personale, ma non su larga scala come in questo caso. In un meeting con i dipendenti avvenuto a giugno Zuckerber aveva detto che "probabilmente ci sono un gruppo di persone nell'azienda che non dovrebbero essere qui".

Il presunto taglio del personale arriva dopo i risultati finanziari negativi registrati da Meta nell'ultimo trimestre, con la divisione Reality Labs, che si occupa di VR, XR e metaverso, che ha registrato perdite pari a 3,7 miliardi di dollari.

Considerando tutto il 2022, Reality Labs ha causato perdite pari a 9,4 miliardi di dollari, che si aggiungono ai 6,9 miliardi di dollari dello scorso anno. Meta ha rassicurato gli azionisti che gli investimenti in metaverso e realtà virtuale ripagheranno, ma non nel breve periodo.

Il mese scorso Meta ha annunciato Meta Quest Pro, il nuovo visore per la realtà virutale con caratteristiche high end, ma anche da un prezzo decisamente alto, ben distante da quello di Meta Quest 1 & 2.