The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2: Microsoft si aspettava un'uscita nel 2020

Stando ai documenti del processo Epic Games contro Apple, Microsoft si aspettava che Nintendo lanciasse The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2 nel 2020.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   06/05/2021
34

Microsoft si aspettava che Nintendo avrebbe lanciato The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2 nel 2020, almeno stando a quanto emerso da alcuni documenti presentati al processo che vede fronteggiarsi Epic Games e Apple.

In realtà le stime di Microsoft, risalenti all'agosto 2020, erano molto più ampie, visto che tra i titoli esclusivi per Nintendo Switch papabili per l'anno scorso, nel periodo ottobre-dicembre 2020, c'erano anche Metroid Prime 4, Bayonetta 3 e Shin Megami Tensei V, nessuno dei quali ha ancora visto la luce del mercato.

Tra i titoli citati appaiono anche No More Heroes 3 e Bravely Default 2, usciti o in uscita nel 2021. Naturalmente Microsoft non può sapere con precisione quali siano i programmi di Nintendo, quindi certe stime vanno prese per quello che sono, ossia come un modo per studiare le mosse degli avversari e provare in qualche modo ad anticiparle, partendo dai dati disponibili pubblicamente.

Sicuramente pensare che nel giro di appena sei mesi Nintendo avrebbe lanciato quattro giochi così grossi è stata un po' un'ingenuità, anche perché si tratta di titoli che ancora non erano stati nemmeno presentati (in particolare di Metroid Prime 4 e Bayonetta 3 non si sapeva e non si sa ancora nulla).