Vampire Survivors: Phil Spencer ci ha passato quasi 200 ore in 2 settimane?

Numeri folli arrivano dall'account Xbox di Phil Spencer, in base al quale pare abbia passato quasi 200 ore su Vampire Survivors in 2 settimane.

Vampire Survivors: Phil Spencer ci ha passato quasi 200 ore in 2 settimane?
NOTIZIA di Giorgio Melani   —   29/11/2022
65

Vampire Survivors è la nuova droga videoludica, chiunque abbia provato solo una partita al fenomenale indie di Poncle può benissimo confermare tale affermazione, ma pare che questa abbia colpito in maniera particolarmente pesante Phil Spencer, il capo di Xbox, che sembra abbia passato quasi 200 ore nel gioco nelle ultime due settimane.

I numeri provengono direttamente dall'account Xbox di Phil Spencer, in base a quanto riferito dal sito TrueAchievement, che effettua il tracking degli utenti in base ai dati relativi alla gamertag ufficiale sui server Xbox.

Tuttavia, viene da pensare che si tratti di un errore: 193 ore in due settimane sono oltre 10 ore di gioco al giorno e sinceramente, anche considerando la grande passione di Phil Spencer per i videogiochi, risulta difficile pensare che un executive Microsoft nella sua posizione di rilievo possa passare tutto quel tempo a giocare.

È vero che Vampire Survivors è una specie di gorgo da cui è difficile uscire se si entra nel suo meccanismo, ma siamo propensi a credere che si tratti di un problema di rilevazione delle ore effettive di gioco, forse legato all'utilizzo del titolo in cloud attraverso piattaforme mobile o con un conteggio che considera l'applicazione mantenuta aperta in background.

Ovviamente la questione non ha mancato di sollevare commenti divertiti, come leggiamo sul forum NeoGAF. C'è chi si spiega ora come mai non ci siano grossi titoli first party in uscita per questa fine del 2022, considerando che il capo di Microsoft Gaming è impegnato a giornate intere su Vampire Survivors, e chi collega questa iperattività di Spencer sul gioco di Poncle con l'andamento apparentemente negativo del caso dell'acquisizione di Activision Blizzard presso l'antitrust, visto che non ha il tempo di star dietro alla questione, dovendo livellare a ripetizione.

Si scherza ovviamente, ma fino a un certo punto, perché Vampire Survivors va davvero assunto con moderazione, come abbiamo riferito anche nella nostra recensione.