Ladri di PC

Torniamo a fare danni per le strade di Los Santos, questa volta al massimo della risoluzione e con un frame rate da urlo

RECENSIONE di Pierpaolo Greco   —   20/04/2015
208

È la terza volta che torniamo a giudicare Grand Theft Auto V su queste pagine. Lo abbiamo fatto in occasione della prima, originale uscita quando il titolo era disponibile soltanto su Xbox 360 e PlayStation 3, ci siamo ripetuti quando Rockstar ha pubblicato il gioco sull'appena rilasciata nuova generazione di console, e siamo pronti a tornarci proprio ora che il free roaming più venduto al mondo ha finalmente deciso di raggiungere il mercato PC.

Ladri di PC

È vero: si è fatto desiderare più a lungo di quanto ci saremmo immaginati, ma cotanta attesa è stata decisamente ripagata visto che questa edizione è, senza rischio di smentita, la migliore incarnazione dell'eccezionale best-seller. Rockstar, dopo averlo dichiarato in molteplici occasioni, ha davvero imparato dai suoi errori lasciandosi alle spalle tutto il caos e il dramma della conversione PC di Grand Theft Auto IV, consegnandoci questa volta un prodotto che funziona alla perfezione; certo ha qualche bug qui e là com'è logico aspettarsi da una produzione di queste dimensioni, ma l'ottimizzazione del motore è veramente degna di nota e le incompatibilità sembrano essere tendenti allo zero. Ma prima di lanciarci nel vivo della nostra analisi è essenziale fare due annotazioni: se siete arrivati fino a questo punto senza sapere nulla di GTA V, il nostro consiglio è di seguire i collegamenti scritti poco sopra per approfondire la conoscenza del gioco e leggere la nostra valutazione a trecentosessanta gradi. In questo scritto ci focalizzeremo infatti sull'analisi tecnica della versione PC, sui suoi settaggi grafici e sui risultati raggiunti dal motore di gioco, lasciando poi un po' di spazio all'editor video e alla modalità regista, l'unico contenuto veramente inedito di questo porting.

Grand Theft Auto V su PC rappresenta la summa del free roaming di Rockstar

Come utilizzare la propria musica?

Inserire la propria musica nella versione PC di GTA V è semplicissimo. Basta semplicemente copiare i file nella cartella Documenti/Rockstar Games/GTA V/User Music e a quel punto la ritroveremo in gioco. I formati supportati sono MP3, M4A e WMA ma le canzoni devono essere prive di DRM, ovvero libere di essere riprodotte su qualsiasi periferica. A quel punto, una volta avviato GTA, apparirà tra le varie stazioni radio anche quella denominata Self Radio. Se così non fosse basterà accedere al menu delle opzioni Audio e selezionare "Esegui scansione veloce/completa della musica" per far riconoscere le canzoni al gioco. Sempre da questo menu è possibile anche scegliere la "Modalità radio personale" per far sì che i propri brani vengano riprodotti in modo sequenziale, casuale oppure con lo stesso stile delle altre radio con tanto di spot e dialoghi tra gli speaker inseriti in automatico dal gioco.

Quanta roba su schermo!

Oltre a supportare in modo nativo i controller di Xbox 360, Xbox One e PlayStation 4, più tutti i vari pad compatibili presenti sul mercato e persino qualche volante, GTA V per PC supporta alla perfezione l'accoppiata mouse e tastiera, consentendo una completa configurazione dei tasti e delle varie sensibilità, oltre a consentire il cambio al volo del sistema di controllo utilizzato. Quando si utilizzano proprio i controlli peculiari del computer, il gioco setta in automatico la mira completamente libera e, neanche a dirlo, specie con GTA Online, proprio questo metodo di controllo restituisce una precisione e un vigore nelle sparatorie, soprattutto quando si usa la visuale in prima persona, che aumentano a dismisura la giocabilità e la frenesia di questo capitolo della serie. Non ci ha fatto impazzire soltanto la gestione dello sprint e della corsa che, con i settaggi base, è piuttosto ostica da gestire con la tastiera e necessiterà di qualche ritocco per funzionare al meglio. Ma dove il titolo raggiunge l'apice della personalizzazione è nei settaggi grafici: GTA V per PC permette di scendere veramente in profondità per quanto riguarda la scalabilità del motore grafico. Dai vari filtri antialiasing, alla densità e varietà di popolazione e vetture, passando per la qualità texture, shader, ombre, riflessi, acqua, particelle, erba e così via. Non manca la tassellatura che si può impostare su tre diversi livelli, l'occlusione ambientale, gli effetti in post processing, la versione di DirectX da usare, oltre ad una serie di settaggi avanzati per la gestione delle ombre e della distanza di rendering.

Ladri di PC
Ladri di PC

Come già visto in Grand Theft Auto IV, smanettare su questi settaggi modifica in tempo reale l'indicatore della memoria video occupata sempre ben visibile nelle opzioni e che rappresenta un'indicazione di massima del carico della propria GPU. Come se questo non bastasse è possibile avviare al volo anche un benchmark che mostra in sequenza una serie di scene del gioco in ambienti, orari del giorno e condizioni meteo sempre differenti, mostrando fisso su schermo il frame rate raggiunto, così da consentire al giocatore di farsi un'idea immediata della qualità impostata e della fluidità raggiunta. Qualsiasi siano i settaggi impostati, una volta avviato il titolo, quello che colpisce con una violenza disarmante è il numero di fotogrammi al secondo che vengono sparati dal monitor. A meno che il vostro computer non sia infatti pesantemente al di sotto dei requisiti consigliati, GTA V per PC stupisce in primis per la sua incredibile fluidità visto che il frame rate è completamente sbloccato e, a patto di avere il Vertical Sync disattivato, capiterà non di rado di toccare anche gli 80-90 frame al secondo restituendo un feeling di gioco e una precisione ai comandi che, in talune occasioni, complice la visuale in prima persona, ci ha ricordato persino le varie incarnazioni di Call of Duty. A tutto questo c'è da unire anche l'incredibile distanza visiva raggiunta da questo porting che, specie durante i tramonti, le albe e magari mentre si è alla guida di un elicottero o di un jet, è in grado di offrire scorci mozzafiato che si perdono a vista d'occhio con minimi effetti di pop-up e pop-in (che sono comunque ancora presenti) e praticamente privi di quella nebbiolina all'orizzonte tipica delle versioni console. Tra l'altro il gioco permette di spingersi tranquillamente verso risoluzioni 4K con il supporto pieno a configurazioni dual e triple monitor e al 3D. Bisogna comunque dire che durante la nostra prova estensiva abbiamo riscontrato svariati fenomeni di "stuttering" (quando il gioco rallenta visibilmente) ed ovviamente il frame rate è estremamente dipendente dalle situazioni di gioco vissute e ci è capitato in diverse occasioni che durante le scene più affollate o in particolari fasi di giorno, specie quando gli effetti di luce sono molti, il numero di frame al secondo calasse drasticamente. È possibile che su questo fronte Rockstar possa migliorare ancora qualcosa nei prossimi mesi e siamo convinti che le patch che verranno rilasciate andranno proprio in questa direzione.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova

  • Processore: Intel Core i7 860 a 2.8 GHz
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 780
  • Sistema operativo: Windows 8.1 a 64 bit

Requisiti minimi

  • Processore: Intel Core 2 Quad Q6600 a 2.4 GHz o AMD Phenom 9850 a 2.5 GHz
  • Memoria: 4 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA 9800 GT con 1 GB o AMD HD 4870 con 1 GB
  • Spazio su disco: 65 GB
  • Sistema operativo: Windows Vista, 7, 8, 8.1 a 64 bit

Requisiti consigliati

  • Processore: Intel Core i5 3470 a 3.2 GHz o AMD X8 FX-8350 a 4 GHz
  • Memoria: 8 GB
  • Scheda video: NVIDIA GTX 660 con 2 GB o AMD HD 7870 con 2 GB
  • Sistema operativo: Windows 7, 8, 8.1 a 64 bit

Questo editor s’ha da distribuire?

Sono in molti a domandarsi se l'editor video e la modalità regista rimarranno esclusive della versione PC e Rockstar non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale in proposito. Quello che possiamo dire, sulla base delle informazioni che abbiamo raccolto in occasione della nostra prova esclusiva del gioco di qualche settimana fa è che l'editor sarà rilasciato successivamente anche su console next-gen e old-gen con diverse modifiche all'interfaccia per renderla più facilmente utilizzabile con il joypad. Quando non è dato saperlo e inoltre le clip registrate terranno ovviamente conto delle capacità di elaborazione della piattaforma utilizzata e questo vuol dire che su console le risoluzioni e il frame rate saranno naturalmente limitati.

Editing a gogo

Per quanto riguarda i contenuti, come scritto anche ad inizio articolo, la versione PC di GTA V è in tutto e per tutto identica alle edizioni PlayStation 4 e Xbox One, visuale in prima persona compresa. Anche per quello che riguarda GTA Online, ci troviamo davanti alla stessa, identica offerta, Colpi inclusi ed è possibile, al momento del primo avvio, trasferire il proprio personaggio da qualsiasi altra versione (old-gen compresa) a quella per computer senza perdere l'originale. Se proprio vogliamo fare i precisini, questa nuova iterazione di Grand Theft Auto V contiene circa due ore di musiche, spot e dialoghi tra speaker radiofonici inediti, tutti riversati nella nuova stazione radio The Lab. È quanto c'è sotto il cofano ad essere stato potenziato. Non solo a livello tecnico e grafico, ma attraverso il supporto per le MOD, con già i primi esperimenti minori che possono essere scaricati da Internet, la possibilità di caricare le proprie canzoni libere da diritti per poi essere ascoltate in gioco e soprattutto l'incredibile editor video, con annessa modalità regista che, siamo convinti, ci stupirà nei mesi a venire per quello che i giocatori riusciranno a realizzare e distribuire.

Ladri di PC
Ladri di PC
Ladri di PC

Accessibile da qualsiasi punto del gioco, l'editor consente di lavorare sulle clip registrate in game, di tagliarle, riempirle di effetti e filtri, aggiungere testi in sovrimpressione, inserire le canzoni presenti nel gioco e tutta una serie di effetti sonori e musiche d'atmosfera lavorando sulla timeline in modo estremamente intuitivo e semplice avvicinandosi a quanto si può vedere con i vari Adobe Premiere e Final Cut ma con un livello di complessità (e ovviamente versatilità) estremamente minore. Per poi esportare il tutto sul proprio hard disk e caricarlo sia sul Rockstar Social Club che su YouTube. In quest'ultimo caso senza rischio di ricevere segnalazioni sulla popolare piattaforma di distribuzione di video visto che il publisher si è già accordato con i detentori dei diritti di riproduzione per consentire la distribuzione di tutti i filmati realizzati con il suo gioco e di far sì che le musiche licenziate siano liberamente utilizzabili. Registrare le clip è semplicissimo e può essere fatto in due modalità. Quella classica permette l'avvio della registrazione con il tasto F1 e la sua interruzione con F3. Il sistema in automatico dividerà le clip in spezzoni di trenta secondi circa collegandoli tra loro. La seconda possibilità permette di avviare una sorta di buffering che tiene in memoria, senza concretamente scriverli sul disco, circa gli ultimi trenta secondi di gameplay. A quel punto basterà premere F3 per registrare effettivamente lo spezzone di gioco desiderato. In questo modo, un po' come avviene con i vari sharing delle console di nuova generazione, sarà possibile giocare liberamente e soltanto dopo che è successo qualcosa di incredibile, registrarlo al volo, senza dover riempire l'hard disk di clip inutili nel tentativo di beccare l'attimo migliore. Ma la vera chicca elaborata da Rockstar salta fuori nel momento in cui si prova a lavorare sull'editing delle singole clip. In questa modalità non si può soltanto lavorare di cesello per accorciare i filmati e lavorare sulla rapidità del montaggio ma addirittura modificare in tempo reale la telecamera spostando l'inquadratura indipendentemente da come è stata concretamente realizzata la registrazione. Ovviamente le possibilità non sono infinite ma vi garantiamo che questa libertà concessa in fase di editing permette di raggiungere in un attimo risultati eccellenti. Come se questo non bastasse, entra in gioco la modalità regista che consente di impostare al volo tutta una serie di valori, dalla location alle condizioni del meteo, del ciclo giorno notte e della polizia, selezionando l'eroe che si vuole impersonare tra le decine messe a disposizione e che consentono di comandare anche animali e costumi speciali che vanno prima sbloccati nella campagna single player. In questo modo potremo creare in un attimo delle vere e proprie scene da registrare e poi importare nell'editor. Non mancano anche una serie di trucchi utilizzabili con questa modalità come l'energia infinità, la riduzione di gravità o una serie di proiettili esplosivi o infiammabili. È naturale che per il giocatore più "normale" si tratti di un'aggiunta praticamente inutile, ma non possiamo che apprezzare l'incredibile lavoro svolto da Rockstar per offrire un'opzione che sembra andare incontro alla perfezione alle caratteristiche di chi gioca su PC.

Commento

Multiplayer.it

9.7

Lettori (558)

9.1

Il tuo voto

Ci sembra scontato e particolarmente semplice concludere il pezzo così come l'abbiamo iniziato: Grand Theft Auto V per PC è la migliore incarnazione del free roaming di Rockstar. È la più bella da vedere, la più fluida da giocare e quella ovviamente più completa dal punto di vista contenutistico grazie all'editor video e al supporto dei MOD che, siamo convinti, nei prossimi mesi sapranno aumentare a dismisura la longevità del titolo. Immaginiamo però l'immancabile domanda che sarete in molti a farci. Se l'ho già giocato su console vale la pena comprarlo nuovamente? Se siete ancora coinvolti da GTA Online e il vostro è un buon computer di fascia media, assolutamente sì. Se ovviamente avete archiviato il gioco già da tempo, non sarà questa conversione a farvi cambiare idea anche se, bisogna ammetterlo, veder girare GTA V su un PC di fascia alta regala delle grandissime soddisfazioni e potrebbe rappresentare un ottimo cavallo di Troia se avete voglia di avvicinarvi a questa piattaforma.

PRO

  • Molto buona l'ottimizzazione e i risultati grafici, a patto di avere un buon PC, sono strabilianti
  • L'editor video insieme alla modalità regista faranno la felicità degli aspiranti videomaker
  • Finalmente il supporto ai MOD
  • Qualsiasi sia il vostro metodo di controllo preferito, GTA V su PC lo supporta
CONTRO
  • A livello di contenuti non ha nulla da offrire a chi l'ha già finito su console
  • Qualche bug qua e là
  • I server dedicati sarebbero stati un'ottima soluzione per rendere più veloce il matchmaking di GTA Online