Sony INZONE H9, la recensione delle cuffie wireless per PC e PS5 con cancellazione attiva del rumore

Sony sorprende tutti con le nuove cuffie di fascia alta dedicate alle proprie console da gioco e agli utenti PC: le INZONE H9. Ecco la nostra recensione.

RECENSIONE di Peter Vogric   —   28/06/2022
58

Sony non si occupa solamente di console e videogiochi. Prima di lanciarsi nel mondo del gaming negli anni '90, l'azienda giapponese era conosciuta principalmente per i dispositivi audio e video. Di fatto, per poter godere al meglio di un'esperienza videoludica, necessitiamo sempre di un buon monitor o TV accompagnato da un sistema audio di un certo livello. Non a caso, durante la presentazione della console PlayStation 5, Sony ha deciso di lanciare anche le Pulse 3D, l'headset ufficiale con il quale poter sfruttare l'audio tridimensionale. Come vi abbiamo raccontato nella nostra recensione, queste cuffie da gaming sono sicuramente un ottimo prodotto in rapporto qualità/prezzo, che però non raggiungono il livello dei migliori headset disponibili sul mercato.

Per colmare questa lacuna Sony ha deciso di introdurre una nuova linea di prodotti con il neonato brand INZONE. In particolare, sono stati presentati tre nuovi headset, tra i quali troviamo anche un interessante prodotto di fascia alta. Noi abbiamo potuto provare esattamente questo, le INZONE H9 ma anche il modello più economico, le INZONE H3. Entrambi sono pensati per poter essere utilizzati con PlayStation 5 e PC, supportando anche funzioni specifiche come il bilanciamento audio tra chat e gioco. Il modello più costoso gode anche di funzioni atipiche per questo mercato, grazie ad una buona implementazione della cancellazione attiva del rumore e l'audio spaziale a 360 gradi. Vi ricordiamo inoltre che assieme alle cuffie, Sony con il brand INZONE ha presentato anche una nuova linea di monitor da gaming, andando a coprire un settore che storicamente non l'ha mai vista protagonista.

Abbiamo trascorso alcuni giorni in compagnia delle INZONE H9 e vi possiamo già anticipare che si tratta di un prodotto veramente di alta qualità; ma prima di procedere con il nostro verdetto finale sviscereremo ogni aspetto, dal design alle specifiche tecniche, per arrivare ad esporre quella che è stata la nostra esperienza d'uso vissuta nella riproduzione di audio, video e chiaramente nelle sessioni di gioco. Ecco quindi la nostra recensione dell'headset wireless Sony INZONE H9.

Specifiche tecniche

Le cuffie Sony INZONE H9 con la scatola
Le cuffie Sony INZONE H9 con la scatola

L'audio delle cuffie over-ear INZONE H9 fuoriesce da una coppia di driver da 40 millimetri al neodimio. Una soluzione particolare viste le dimensioni generose dei padiglioni. Ci saremmo aspettati infatti dei driver da 50 millimetri, che rappresentano praticamente uno standard nel settore. La risposta in frequenza va da 5 Hz per raggiungere i classici 20 kHz. Anche sotto questo aspetto Sony è quindi rimasta nella comfort zone, rispecchiando quanto proposto dalla concorrenza. Il microfono bidirezionale è in grado di catturare la voce in maniera pulita, potendo ridurre in tempo reale i rumori esterni come i click della tastiera. È dotato anche del meccanismo flip-to-mute per poter interrompere facilmente l'acquisizione dell'audio.

La cancellazione attiva del rumore invece rappresenta un grande punto di forza di questo prodotto. Si tratta di una funzione richiesta dagli utenti, che però non è facile trovare in altri headset da gaming. Grazie alla Dual Noise Sensor Tecnology, le cuffie sono in grado di rimuovere i rumori provenienti dall'esterno; oppure, attivando la modalità ambiente, è possibile sentire ciò che ci circonda.

Un'altra funzione molto apprezzata è la presenza di una doppia connettività wireless, in grado di funzionare anche simultaneamente. Le cuffie possono infatti essere collegate contemporaneamente al loro ricevitore wireless da 2,4 GHz e al Bluetooth di un qualsiasi dispositivo. Ufficialmente sono quindi compatibili con PlayStation 5 e PC tramite il ricevitore wireless.

Infine, per garantire una buona immersione nelle sessioni di gioco, non poteva mancare l'audio spaziale a 360 gradi. Sin dalla presentazione della PlayStation 5 questo è stato un vero cavallo di battaglia per promuovere l'audio nei videogiochi di nuova generazione. Con queste cuffie wireless Sony vuole dare agli utenti la possibilità di godere al meglio di questa tecnologia.

Scheda tecnica

  • Tipologia: cuffie wireless over-ear
  • Driver: 40 millimetri al neodimio
  • Risposta in frequenza: 5 Hz - 20 kHz
  • Compatibilità: PlayStation 5, PC e dispositivi Bluetooth
  • Cancellazione attiva rumore: disponibile
  • Connettività: wireless 2,4 GHz e Bluetooth 5.0 anche simultaneamente
  • Microfono: bidirezionale con cancellazione del rumore
  • Autonomia: 32 ore senza cancellazione attiva del rumore
  • Peso: 330 grammi
  • Prezzo: 299€

Design

Padiglione e microfono delle Sony INZONE H9
Padiglione e microfono delle Sony INZONE H9

Dobbiamo essere sinceri: il primo impatto con le cuffie wireless INZONE H9 non ci ha entusiasmato troppo. Sony ha puntato su un design semplice e minimale, unito a dei materiali plastici che non trasmettono particolari sensazioni alla vista o al tatto. I padiglioni di dimensioni piuttosto generose cascano subito all'occhio per l'assenza di particolari finiture o curvature. Di fatto sono solamente delle larghe superfici bianche con l'aggiunta di alcuni pulsanti e controlli che andremo a vedere in seguito. La plastica utilizzata è ruvida e non si discosta troppo da quella presente nel modello più economico INZONE H3, di cui trovate un approfondimento nel paragrafo successivo.

La scelta dei colori e delle linee ricorda indubbiamente l'estetica di PlayStation 5, però ci saremmo aspettati decisamente qualcosa di più da un prodotto che si presenta sul mercato con un prezzo premium. La parte superiore dell'archetto è molto simile a quello utilizzato dalle cuffie wireless 3D Pulse. In questo caso però la pelle sintetica è stata posta direttamente sull'archetto per appoggiarsi comodamente sulla testa. La parte inferiore, oltre alla pelle sintetica, è caratterizzata da una sezione in plastica, anche in questo caso non particolarmente premium come materiale. Questa scelta di materiali ha però un vantaggio non del tutto trascurabile. Il peso totale delle cuffie, nonostante le dimensioni generose e la grande batteria presente all'interno, si aggira attorno a 330 grammi. Per aggiungere un po' di carattere al design, Sony ha deciso di implementare un'illuminazione LED non personalizzabile, che funge principalmente come indicatore di accensione e spegnimento, oppure per capire quando viene attivata la modalità di abbinamento tramite Bluetooth.

Dimensioni delle Sony INZONE H9 a confronto con il DualSense di PlayStation 5
Dimensioni delle Sony INZONE H9 a confronto con il DualSense di PlayStation 5

I padiglioni godono però di un ottimo grado di mobilità, sia verticale che orizzontale: possono essere girati di 90 gradi per appoggiare le cuffie su una superficie piana. Questo aspetto, unito ad un buon bilanciamento della rigidità dell'archetto, consente un'ottima vestibilità della cuffia. Come ciliegina sulla torta, Sony ha aggiunto la stessa pregiata pelle sintetica usata nelle cuffie wireless WH-1000XM5 sui cuscinetti dei padiglioni, che risulta essere veramente piacevole al tatto e si adatta perfettamente al contatto con la pelle attorno alle orecchie, andandole ad inglobare senza problemi. Tra la pelle e la struttura in plastica è presente una griglia che permette la fuoriuscita dell'aria, in modo da non scaldare troppo i nostri lobi nelle sessioni di gioco prolungate. Il materiale che riempie la fodera in pelle sintetica è veramente soffice e molto modellabile, cosa che ci ha fatto sorgere il dubbio sulla sua capacità di mantenere questa forma nel tempo. Non vorremo infatti che dopo qualche mese di utilizzo intenso, il materiale interno si deformi permanentemente andando a rovinare la comodità di queste cuffie.

Sul padiglione destro è presente il tasto di accensione assieme a quello per l'abbinamento ai dispositivi Bluetooth e allo switch per gestire il bilanciamento audio di gioco con quello della chat vocale. Su quello sinistro invece troviamo il pulsante per l'attivazione della modalità di cancellazione attiva del rumore, la porta di ricarica USB-C con il LED che indica quando il livello di carica è basso ed una pratica rotella del volume che offre un buon grip per un controllo preciso. Sempre sul padiglione sinistro è presente l'asta del microfono realizzata in una plastica flessibile e modellabile a piacimento, con la capsula nella sezione finale in plastica rigida. L'asta del microfono non stona particolarmente con il resto del design, ma avremmo gradito la possibilità di rimuoverlo.

Sony INZONE H3: il modello economico

Sony ci ha dato l'opportunità di provare anche le cuffie INZONE H3, il modello cablato meno costoso che viene venduto a 99€. Le funzioni assenti rispetto al modello top di gamma H9 sono la cancellazione attiva del rumore, il collegamento wireless (sia Bluetooth che tramite ricevitore), la presenza dei LED e una scelta dei materiali meno premium come il tessuto sintetico al posto della pelle. Si tratta quindi di un modello cablato con il collegamento jack da 3,5 millimetri.

Le Sony INZONE H3, ovvero il modello economico della linea
Le Sony INZONE H3, ovvero il modello economico della linea

Il design non si discosta tanto rispetto a quello delle INZONE H9, ma complessivamente l'headset risulta essere più piccolo e leggero con i suoi 299 grammi. I materiali e la qualità costruttiva sono essenzialmente gli stessi, mentre i driver pur rimanendo da 40 millimetri sono assemblati con materiali leggermente diversi. Come previsto questo si traduce in una qualità sonora non all'altezza del modello top di gamma. L'audio in uscita dalle INZONE H3 ha dei bassi meno pronunciati e in certe situazioni più complesse le frequenze tendono un po' a sovrapporsi. Nulla di particolarmente preoccupante, anzi in questa fascia di prezzo rimane un prodotto assolutamente da considerare, che supera la qualità sonora anche delle cuffie wireless Sony 3D Pulse. Le consigliamo a chi non necessita delle funzioni premium del modello top di gamma, ma vuole comunque portarsi a casa un headset cablato in grado di trasmettere una qualità sonora più che buona.

Esperienza d'uso

I comandi sui padiglioni delle Sony INZONE H9
I comandi sui padiglioni delle Sony INZONE H9

Una volta indossate le cuffie INZONE H9 ci siamo completamente dimenticati del loro design non potendole chiaramente vedere. Quello che abbiamo percepito però è una sensazione di comodità e leggerezza, nonostante le generose dimensioni dell'headset. L'archetto stringe i padiglioni al cranio con la giusta pressione, permettendo alle cuffie di rimanere piuttosto stabili sulla testa, senza andare ad incidere sulla loro comodità. Il merito va chiaramente anche ai soffici cuscinetti sui padiglioni, i quali offrono anche un buon ma non eccellente isolamento passivo. La pelle tipicamente non è un materiale particolarmente adatto ai mesi estivi dove il caldo provoca una leggera sudorazione nei punti di contatto con la pelle. Questo materiale scelto da Sony però riesce a combinare bene l'indossabilità, la piacevole sensazione al tatto, senza scaldare particolarmente.

La rotella del volume ed i vari pulsanti presenti sui padiglioni sono facilmente accessibili, grazie a delle dimensioni ben bilanciate assieme ad un buon distanziamento tra di loro. Non ci è piaciuto però il feedback audio in cuffia per capire cosa stessimo modificando alla pressione del tasto. Ad esempio premendo il tasto della cancellazione attiva del rumore, le cuffie riproducono dei semplici toni che non sono proprio intuitivi per capire se la funzionalità è attiva o meno. La stessa cosa possiamo dire dell'accoppiamento Bluetooth o della segnalazione di poca carica residua. Avremmo preferito avere una voce incorporata in grado di segnalarci queste cose in maniera più chiara, come accade anche su altri prodotti audio di Sony.

Archetto con imbottitura in pelle molto morbida delle Sony INZONE H9
Archetto con imbottitura in pelle molto morbida delle Sony INZONE H9

La connessione ai dispositivi Bluetooth avviene senza particolari criticità, come con qualsiasi accessorio che supporta questa connettività. Lo stesso possiamo dire anche del collegamento wireless tramite il ricevitore incluso nella confezione. Basterà infatti collegare l'accessorio ad una porta USB del PC o PlayStation 5 e le cuffie eseguiranno automaticamente la connessione una volta accese. Per chi se lo stesse chiedendo, qualora la risposta non fosse già abbastanza scontata, le cuffie non sono compatibili con le console Xbox. Possono invece essere accoppiate come accessorio Bluetooth alla Nintendo Switch senza alcun problema. Il collegamento simultaneo ad un dispositivo wireless e uno Bluetooth funziona bene, anche se manca la possibilità di controllare i due volumi separatamente. La rotella infatti andrà ad abbassare quello di entrambe le fonti audio. Provando a collegare l'headset sia alla PlayStation 5 che allo smartphone abbiamo potuto ascoltare un podcast mentre stavamo giocando. Bilanciare i due volumi non risulta così semplice, perché da un lato dovevamo ricorrere direttamente al volume della PlayStation 5 tramite le poco immediate schermate del sistema operativo e dall'altra a quello del nostro smartphone. Le due tracce audio sono distinguibili, anche se in certe situazioni più complesse potrebbero mischiarsi, impedendoci di sentire certe parti dell'audio.

Per chi desidera un grado di isolamento maggiore rispetto a quello passivo, è possibile attivare la cancellazione attiva del rumore tramite l'apposito tasto sulle cuffie. Sony sta sviluppando questa tecnologia da diversi anni e l'abbiamo spesso vista in azione. Per mettere alla prova questa funzione ci siamo posizionati davanti alla postazione di lavoro con un PC desktop dotato di numerose ventole e un ventilatore particolarmente rumoroso acceso al nostro fianco. Attivando la cancellazione attiva del rumore senza riprodurre alcun contenuto in cuffia, il fruscio delle ventole è subito scomparso, mentre il rumore del ventilatore è stato fortemente attenuato. I click della nostra tastiera meccanica continuavano a sentirsi, finché non abbiamo acceso la riproduzione di un qualsiasi contenuto. Il volume piuttosto elevato, nonostante i driver da 40 millimetri ha coperto facilmente il rumore restante, per un'immersione pressoché totale. Attivando invece la modalità ambiente, si possono sentire facilmente le voci e i rumori circostanti, come il campanello della vostra abitazione o la notifica del cellulare nella stanza accanto. Complessivamente quindi siamo rimasti piuttosto soddisfatti della riduzione attiva del rumore, sicuramente una killer feature di queste INZONE H9.

Design delle Sony INZONE H9
Design delle Sony INZONE H9

La cosa che ci incuriosiva in assoluto di più prima della prova era la qualità audio delle INZONE H9. Sony è sempre stata uno dei leader del mercato per quanto riguarda le cuffie audio. Le nostre aspettative erano quindi molto elevate per questo prodotto top di gamma. Le cuffie riescono a riprodurre bene il suono su tutte le frequenze, dando la giusta enfasi ai bassi, senza trascurare i dettagli alti e medi. Il volume massimo non è altissimo, ma sicuramente buono e soprattutto non distorce a nessun livello di intensità. Non abbiamo notato particolari differenze nella qualità audio tra la modalità wireless a 2,4 GHz e quella Bluetooth, infatti l'esperienza di ascolto passando dallo smartphone alla console o PC è rimasta sostanzialmente invariata. Quello che ci ha stupito particolarmente è l'audio spaziale a 360 gradi, che riesce ad offrire un grado d'immersione veramente profondo e realistico. Muovendoci all'interno dei videogiochi open world come Horizon Forbidden West o Elden Ring abbiamo apprezzato ciascun effetto audio che andava a sovrapporsi alle musiche e soundtrack. Nei videogiochi sparatutto competitivi è possibile invece percepire con una notevole precisione sia la posizione che la distanza dei suoni, in modo da rilevare i nostri nemici o compagni di squadra. I toni medi degli scontri a fuoco a medio-lunghe distanze si distinguono bene ad esempio dai passi dei nostri compagni vicini e dalla porta spalancata dai nemici nel piano inferiore di un'abitazione. Nei giochi di guida come F1 22 o Assetto Corsa Competizione su PC abbiamo invece apprezzato i dettagli sonori dei giri più elevati del motore, così come lo stridio delle gomme per la perdita di grip sull'asfalto.

Questa elevata qualità sonora viene mantenuta anche nella visione di film e serie TV. Abbiamo provato a guardare qualche contenuto in streaming sul PC con le cuffie connesse via wireless, apprezzando molto l'immersione offerta dall'audio spaziale. Sul computer è possibile anche installare l'apposito software per personalizzare l'equalizzazione, inviando delle foto dei propri lobi delle orecchie, affinché il sistema possa adeguare le tonalità e frequenze di conseguenza. Non abbiamo notato particolari miglioramenti rispetto alla configurazione di default, quindi non preoccupatevi se avete intenzione di usare l'headset esclusivamente con la PlayStation 5. Sempre su PC abbiamo ascoltato alcuni brani della nostra libreria musicale lossless per riscontrare le medesime sensazioni percepite con gli altri media. I bassi, medi e alti vengono gestiti bene dai driver da 40 millimetri dando spazio alle varie frequenze senza distorsioni o particolari disturbi. L'equalizzazione di default non eccelle in nessun genere musicale in particolare, però dall'altra parte resta un buon compromesso per qualsiasi brano in ascolto.

Le cuffie INZONE H9 indossate
Le cuffie INZONE H9 indossate

L'autonomia dichiarata dal produttore è di 32 ore per queste cuffie wireless. Questo dato è valido esclusivamente se non si utilizza la cancellazione attiva del rumore. Attivandola il tempo si riduce parecchio, in quanto questa funzione consuma parecchia energia dovendo lavorare costantemente in tempo reale. Complessivamente però riesce a fare tranquillamente 20 ore di riproduzione, ma soprattutto con soli 10 minuti di carica otteniamo un'ora di autonomia e le si può usare anche mentre le stiamo caricando. Ad esempio le abbiamo collegate direttamente ad un powerbank con il cavo USB per poterle usare comunque in modalità wireless comodamente seduti sul divano.

Infine vogliamo parlavi del microfono, perché in questa fascia di prezzo ci si aspetta una qualità audio in ingresso di tutto rispetto. Purtroppo però siamo rimasti un po' delusi, perché nonostante riesca a ridurre al minimo i rumori come quelli delle ventole del computer o del ventilatore, la voce campionata risulta piuttosto piatta e robotica. Per la comunicazione con gli amici online potrebbe andare più che bene, ma vi sconsigliamo di registrare dei podcast o trasmettervi dal vivo su Twitch con questo headset. Abbiamo avuto modo di provare delle cuffie che costano meno di un terzo delle INZONE H9 che offrono un microfono migliore. L'unica nota positiva su questo fronte è data dal feedback audio in cuffia che risulta molto buono, unito al semplice meccanismo flip-to-mute per disattivare il microfono.

Commento

Prezzo 299 €

Multiplayer.it

8.7

Sony, con la nuova linea di prodotti audio INZONE, vuole offrire ai propri clienti dei dispositivi di fascia alta, dotati di funzioni premium. Abbiamo apprezzato notevolmente la cancellazione attiva del rumore, così come la possibilità di connettere due dispositivi contemporaneamente in modalità wireless. La qualità audio di Sony è sempre una garanzia, quindi anche queste INZONE H9 non deludono affatto sotto questo aspetto. Peccato per alcune scelte meno convincenti, come il design piuttosto anonimo ed un microfono non all'altezza per un dispositivo del genere. Queste due criticità ci hanno fatto storcere un po' il naso considerato il prezzo di vendita di 300€, ma tutto sommato per delle cuffie wireless con cancellazione attiva del rumore e degli ottimi driver non ci aspettavamo cifre sostanzialmente inferiori.

PRO

  • Ottima qualità audio
  • Presenza della cancellazione attiva del rumore
  • Modalità dual wireless
CONTRO
  • Design piuttosto anonimo
  • Microfono decisamente sotto le aspettative
  • Il prezzo è elevato