PS5: le novità non ancora vociferate 32

Non solo giochi e potenza di calcolo: PS5 si porterà in dote diverse innovazioni, che abbiamo provato a immaginare

SPECIALE di Peter Vogric   —   14/05/2020

Indice

Ormai non passa una singola giornata senza un nuovo rumor legato a PS5. Negli scorsi mesi infatti abbiamo letto diverse voci di corridoio riguardanti specifiche hardware (poi confermate direttamente da Sony), sul nuovo pad Dualsense e su qualche possibile gioco di lancio. Per non parlare dell'assaggio di grafica next gen e dell'Unreal Engine 5. Ma è stato veramente già svelato tutto in anticipo? Ovviamente no, infatti oggi vogliamo speculare riguardo a diverse caratteristiche poco chiacchierate della nuova console Sony. Oltre alla potenza di calcolo e ai giochi, PS5 offrirà sicuramente anche molto altro. Nell'attesa che Sony riveli ufficialmente ogni dettaglio, giochiamo ad anticipare un po' i tempi.

Giocare da remoto

Su PlayStation 4 è possibile trasmettere il gioco avviato sulla console a un dispositivo, come uno smartphone o un PC, per giocare da remoto. Questa funzione tornerà molto probabilmente anche su Playstation 5, con degli opportuni miglioramenti della tecnologia utilizzata. Da qualche anno ormai tutti gli smartphone Android e iOS supportano i controller Dualshock 4, connessi via Bluetooth. Acquistando un banale accessorio, si può fissare il nostro smartphone al controller, facendolo diventare una sorta di console portatile a costo praticamente nullo. Per chi vuole un'esperienza più simile a quella offerta da Nintendo Switch, può invece acquistare degli appositi controller simili ai Joy-Con di Nintendo Switch da attaccare allo smartphone.

Img 1810

Tutto questo per sottolineare come il Remote Play potrebbe evolversi per migliorare la qualità e abbassare la latenza su Playstation 5, trasformando un qualsiasi dispositivo già in nostro possesso in una sorta di "estensione" della console presente nel nostro salotto. Al momento infatti, giocare con Remote Play è alquanto difficile, perché il segnale spesso risulta essere poco stabile ed il flusso video tende a bloccarsi (sopratutto utilizzando la rete WiFi). In futuro ci aspettiamo quindi un'implementazione perfezionata, grazie ad una connettività migliorata offerta dalla console di nuova generazione.

La potenza nelle mani dei giocatori

Sony ha già confermato la retrocompatibilità di Playstation 5 con i giochi PS4, rendendo indubbiamente felici numerosi giocatori. Stando a quanto detto da Mark Cerny, più di 4.000 titoli attualmente giocabili su Playstation 4 potranno essere riprodotti sulla console next-gen, sfruttando la potenza di calcolo aggiuntiva. Questo significa che grazie ad una patch, potremo ad esempio giocare a Bloodbornea 60 fotogrammi al secondo, oppure a Final Fantasy VII Remake in 4K a 60 FPS. Quello che però non è ancora stato confermato è la possibilità di decidere come sfruttare la potenza di calcolo offerta da Playstation 5.

Su Playstation 4 Pro possiamo infatti scegliere se sfruttare il chip aggiornato per aumentare la risoluzione, oppure per migliorare il frame-rate. Avendo più margine di manovra su PS5, Sony potrebbe aggiungere altre opzioni, dando all'utente la possibilità di scegliere tra varie configurazioni predefinite. Non ci aspettiamo infatti delle opzioni di personalizzazione come accade su PC, piuttosto qualcosa di più user-friendly. Ad esempio, le scelte potrebbero essere le seguenti, applicabili a qualsiasi videogioco PS4 retrocompatibile su PS5:

  • Privilegiare la risoluzione e mantenere fissa la risoluzione a 4K
  • Privilegiare il frame-rate con una risoluzione dinamica
  • Esperienza equilibrata tra risoluzione e frame-rate
  • Mantenere la risoluzione a 1080p, aumentando il frame-rate a 120 FPS

Img 1813

Gli sviluppatori ovviamente dovrebbero ottimizzare il software per queste possibili configurazioni. Siamo sicuri che molti giocatori sarebbero più che felici di poter decidere come sfruttare la potenza della loro Playstation 5. Magari le stesse configurazioni, opportunamente rimodulate, potrebbero essere utilizzate anche per i titoli PS5, offrendo ad esempio un maggiore frame-rate a chi si accontenta di una risoluzione dinamica.

A tutti piace condividere

Il fenomeno del gaming su YouTube e successivamente su Twitch ed altre piattaforme è cresciuto a dismisura negli ultimi dieci anni. La condivisione delle nostre sessioni di gioco è diventata una realtà più che concreta e diffusa in tutto il mondo. Sony aveva giustamente intuito la voglia dei giocatori di condividere la propria esperienza di gioco, aggiungendo varie opzioni di condivisione già su Playstation 4. Lo stesso controller della console possiede un tasto apposito per poter salvare e condividere uno screenshot, un video o trasmettere il proprio gameplay direttamente su YouTube, Twitch o altri social network. Purtroppo queste funzionalità erano limitate alla potenza di calcolo della console, ma con l'arrivo della PS5 ci aspettiamo diverse novità anche in questo campo.

Sony potrebbe dare la possibilità di aggiungere una qualsiasi webcam alla console per poter includere il proprio volto nelle registrazioni. La cosa più facile sarebbe collegare direttamente il nostro smartphone per utilizzarlo come face-cam, ma l'implementazione di tale funzionalità non è certamente semplice. Inoltre, potrebbero implementare un vero e proprio software (simile a StreamLabs o OBS su PC) all'interno del sistema operativo di Playstation 5, ovviamente pensato per l'interfaccia ed i controlli disponibili su console. In questo modo il giocatore avrebbe a disposizione una maggiore personalizzazione delle proprie dirette streaming, funzione pressoché mancante sull'attuale generazione di console.

Per quanto riguarda gli aspetti più tecnici, ci attendiamo una registrazione del gameplay almeno a 1080p e 60 fotogrammi al secondo con un buon bitrate, capace di sostituire anche un'apposita scheda di acquisizione. Probabilmente saremo in grado di registrare i nostri gameplay anche in 4K, ma questo occuperà chiaramente una grande quantità di memoria all'interno della console. Per quanto riguarda invece le trasmissioni su YouTube e Twitch, Playstation 5 dovrebbe offrire un flusso video a 1080p e 60 fotogrammi al secondo, simile a quanto accade su Playstation 4.

Img 1812

Share Play

Seppur sia una funzione poco utilizzata, rappresenta sicuramente un'opzione interessante per la condivisione dei propri giochi. Tramite l'attivazione dello Share Play, possiamo condividere un videogioco per farlo arrivare direttamente nel salotto del nostro amico attraverso la rete. In questo modo l'amico può giocare ad un titolo in nostro possesso, oppure possiamo unirci a lui per fare una classica partita in split-screen o sfidarci in un match a FIFA. E' sicuramente una funzione molto carina, che però ha faticato a diffondersi, probabilmente a causa della velocità delle connessioni ad internet. Lo Share Play infatti richiede una connessione stabile per poter offrire un'esperienza di gioco ottimale.

Google con Stadia sta spingendo parecchio su queste funzionalità di condivisione, già annunciate per la piattaforma, ma purtroppo ancora assenti nell'attuale versione. Dare la possibilità all'amico di fiondarsi all'interno di una sessione di gioco per aiutarci a superare un determinato livello oppure proporgli una sfida al volo potrebbe essere veramente divertente. Unendo poi lo Share Play con le funzioni di condivisione menzionate in precedenza, si potrebbe coinvolgere maggiormente i nostri spettatori, offrendo la possibilità di interagire con le nostre partite e prendere il controllo del nostro videogioco. Sony potrebbe portare novità simili ed aggiornare le funzionalità offerte dallo Share Play, sperando di poter coinvolgere più persone ad utilizzare questa simpatica funzionalità.