Super Smash Bros, una guida per diventare piccoli campioni 6

Cosa fare per entrare in sintonia con Super Smash Bros. Ultimate, sia nelle sfide online che in quelle casalinghe in stile party-game.

SPECIALE di Alessandro Bacchetta   —   17/04/2019

Super Smash Bros. Ultimate ha la grande dote, come abbiamo sottolineato durante la recensione, di rivelarsi un'opera eccellente sia nell'uno contro uno senza armi, la modalità maggiormente giocata dagli appassionati e nei tornei, sia quando viene affrontato come se si trattasse di un party game, quindi con quattro o più personaggi su schermo, con o senza squadre, e con un plotone di oggetti micidiali. Le armi sono spesso condannate dai giocatori più esperti, con l'unica eventuale eccezione della Sfera Smash, mentre difficilmente vengono eliminate in una normale partita tra amici.

Se siete appena rientrati da una batosta a casa di un vostro sodale, e magari avete capito poco di quanto successo sullo schermo, questo è l'articolo che fa per voi. Ultimate ha perfezionato il sistema di controllo e approfondito il feeling tattile del gioco, anche grazie a delle lodevoli scelte registiche; nonostante questo, iniziare a giocarci non è facile, e non è detto risulti subito divertente. Non è un tratto abitualmente associabile ai titoli Nintendo, eppure Super Smash Bros. funziona proprio così: tante persone che lo hanno apprezzato nel tempo, e che lo hanno giocato per ore e ore attraverso vari episodi e altrettante console, esse stesse in principio non lo avevano amato. O, per utilizzare un termine forse improprio, "capito". Semplicemente per entrare nella lotta, e nelle sue dinamiche, serve un po' di tempo... ben più di quanto ne sia necessario per divertirsi con Mario Party, o per correre in Mario Kart. Grazie alle tante modalità e alle numerose opzioni l'esperienza è aperta anche ai lottatori occasionali, ma se il vostro obbiettivo è quello di non essere dei semplici spettatori passivi, o comunque remissivi, esistono dei piccoli dettagli che non potete ignorare.

Un personaggio

Una piccola, ulteriore premessa prima di inoltrarci nel cuore dell'articolo: quelle che scriveremo non sono regole auree, ma dei consigli per imparare a giocare più velocemente con Super Smash Bros. Ultimate. Con la serie abbiamo un'esperienza decennale, abbiamo raggiunto lo status di Elite Player (con Lucas), tuttavia non siamo certo Pro Gamer: ci sembrava necessario specificarlo. Il primo consiglio che vi diamo è molto semplice, e altrettanto importante: scegliete un personaggio e focalizzatevi su quello. Il titolo vanta decine e decine di lottatori, ma se volete apprendere le meccaniche fondamentali, l'ideale è selezionarne uno, e imparare ad utilizzarlo bene. Ci sono combattenti più o meno adatti, nel senso che alcuni sono talmente particolari e - letteralmente - eccezionali, che forse è meglio lasciarli per quando sarete più esperti. È vero che in Super Smash Bros. i personaggi condividono la stessa formulazione delle mosse, ma è altrettanto vero che l'esecuzione pratica delle stesse cambia parecchio.

Per farvi un esempio, la ripresa di Lucas (su + B) genera una palla di energia, che il giocatore dovrà dirigere, pilotandola manualmente, alle spalle dello stesso personaggio, così da riportarlo sul terreno dello scontro. Non solo è difficile e fastidiosamente soggetta al lag: è una mossa che potrete utilizzare solo con lui e con Ness. Perché la norma, inclinando il control stick verso l'alto e premendo B, è che il lottatore esegua un colpo ascendente, tale da conferire un ulteriore balzo verticale subito dopo il doppio salto. In sostanza: X (salto), ancora X (doppio salto), su + B (colpo verso l'alto). Il nostro consiglio è di partire con Mario o Kirby, ideali nell'illustrarvi questa meccanica. Il batuffolo rosa ha l'anomalia, come nei giochi di cui è protagonista, di poter effettuare più di due salti, ma per il resto è quasi accademico: non è un caso che Sakurai lo abbia scelto, questioni simboliche a parte, come protagonista iniziale de La Stella della Speranza. Sembrerà banale, ma la prima cosa da apprendere bene in Super Smash Bros. è proprio questa: bisogna "sentire" il peso di un determinato personaggio, capire quanto e come salta, e tentare di ritornare sullo stage nelle maniere più disparate possibili.

Colpi standard e Smash

Il secondo concetto più importante dell'intero gioco, dopo aver appreso le modalità di rientro sul ring, è capire - e applicare - la differenza tra attacco normale e attacco Smash. Entrambi si effettuano premendo A (le Smash, volendo, anche inclinando il control stick destro), ma hanno delle caratteristiche molto differenti. Il colpo standard è molto più veloce, molto meno potente, e permette, se eseguito bene, di affondare degli attacchi in rapida successione. State molto attenti a studiare i colpi aerei del vostro personaggio, perché ne esistono di vari tipi, uno per ogni direzione: non tutti hanno la stessa forza, ed è importante capire quale sia il più adatto alle diverse situazioni. A volte capita che un attacco causi tanti danni, ma che non scagli lontano l'avversario, e viceversa: in certe situazioni i colpi aerei sono la miglior scelta possibile per finire il rivale, e tendenzialmente accade con quegli attacchi capaci di gettare l'altro lottatore verso il basso (con Mario il colpo aereo che asseconda la direzione di marcia, con Lucas quello aereo opposto al verso della corsa).

La miglior modalità per entrare in confidenza col proprio personaggio, e per studiarne i numeri, è sicuramente l'Allenamento. Dove potrete intuire il diverso impatto, come dicevamo prima, tra colpo normale e Smash: quest'ultima va eseguita premendo A e inclinando contemporaneamente lo stick sinistro verso una direzione. Quindi, conseguentemente, esistono quattro Smash per ogni personaggio: anche in questo caso, non tutte si equivalgono, e vanno studiate nel dettaglio. Così come è importante intuire quanto e come caricarle: a volte la migliore soluzione è la più semplice, soprattutto all'inizio, perciò non vergognatevi di eseguire Smash "istantanee" inclinando leggermente lo stick destro. Veloce e letale. Riassumiamo infine i nostri consigli per principianti: scegliete un lottatore, tra gli iniziali Mario o Kirby sono l'ideale, e fate pratica solo con quello. Imparate a muoverlo e trovate il giusto feeling col pad, soprattutto col salto, col doppio salto e la ripresa (su+B). Imparate a distinguere la differenza tra colpi standard e Smash, quali sono più adatti in base alla situazione, e quali sono più forti nel vostro lottatore. Non trascurate gli attacchi aerei, e siate consapevoli che ne esistono di cinque tipi, e che generano diversi esiti. Buona fortuna!