Xbox Game Pass, le novità di gennaio 2020 82

Iniziamo il 2020 con la prima panoramica dell'anno sui giochi nel catalogo di Xbox Game Pass aggiunti a gennaio

RUBRICA di Giorgio Melani   —   14/01/2020

Indice

Inizia con questo gennaio 2020 un anno che promette grandi cose per quanto riguarda Xbox Game Pass, sempre più al centro della strategia videoludica di Microsoft e colonna portante della divisione Xbox, sicuramente anche per quanto riguarda Xbox Series X. A dire il vero, questa prima mandata di titoli non è particolarmente folta come quelle viste in diverse altre occasioni, ma il mese è comunque caratterizzato da un'uscita di enorme importanza e spuntata praticamente a sorpresa, ovvero Grand Theft Auto V, aggiunto già all'inizio di gennaio. Dopo un dicembre decisamente ricco, in ogni caso, non c'è veramente da lamentarsi per il ritmo mantenuto da Xbox Game Pass, che al di là del gioco Rockstar ha comunque delle proposte molto interessanti per questo mese. D'altra parte, il programma annunciato già all'X019 per questo nuovo anno parlava già chiaro e le aggiunte importanti sono parecchie, in ogni caso qui ci troviamo ad analizzare solo la prima mandata di gennaio 2020, in attesa di conoscere gli aggiornamenti per le prossime due settimane. Nel frattempo, persiste la voce di corridoio che vorrebbe Control in arrivo a breve su Xbox Game Pass e non possiamo che sperare sia vera.

GTA V - Xbox One, 3 gennaio

Difficile dire qualcosa di GTA 5 che non sia stata già detta in passato, considerando che questo gioco Rockstar Games resta sulla cresta dell'onda praticamente da quasi sette anni a questo punto. Uscito nel 2013 sulle piattaforme di generazione scorsa e l'anno successivo su PS4, Xbox One e PC, Grand Theft Auto V è diventato un fenomeno culturale di massa, continuando a vendere in maniera continuativa una quantità spropositata di copie e restando sempre attuale e particolarmente giocato anche grazie alla sua sostanziosa piattaforma multiplayer online costituita da GTA Online, vero e proprio gioco dentro al gioco. La struttura di gioco è quella tipica della serie, ma GTA V amplia l'action adventure in terza persona a mondo aperto in maniera esponenziale, mettendo a disposizione del giocatore un sandbox enorme rappresentato dall'estesa città di Los Santos e dal suo circondario, ricco di missioni da affrontare e luoghi di interesse da visitare. Come sempre, per quanto riguarda GTA, al giocatore è lasciata la libertà di scegliere un po' come affrontare le situazioni, se seguire attentamente il seminato della modalità storia o dedicarsi alla libera attività in giro per il sandbox.

Frostpunk - Xbox One e PC, 9 gennaio

Il team 11 bit Studios ha dimostrato già di che pasta era fatto con This War of Mine in particolare e con Frostpunk ha fatto vedere di essere perfettamente in grado di gestire un genere ibrido tra survival e city builder con grande capacità. Oltre alle caratteristiche composite del gameplay, peraltro, Frostpunk si distingue anche per la sua particolare ambientazione, che in effetti ne determina anche le caratteristiche di gioco e le atmosfere. Il gioco mette in scena una sorta di diciannovesimo secolo alternativo, nel quale il pianeta Terra deve affrontare una nuova glaciazione a seguito delle eruzioni di vari vulcani che hanno oscurato il sole. Le temperature sono scese a livelli insostenibili per la vita, pertanto l'umanità si trova a dover sopravvivere stringendosi in piccole comunità intorno a dei generatori, ovvero strutture in grado di distribuire calore ed energia a partire dal carbone, dislocate nelle zone in cui questa materia è più abbondante. Frostpunk propone diversi scenari caratterizzati da una base narrativa da portare a termine, nei quali dobbiamo costruire città e cercare di gestirle al meglio, passando dalla raccolta risorse al controllo degli elementi sociali più complessi.

Sword Art Online: Fatal Bullet - Xbox One, 9 gennaio

Non sono molti gli RPG nipponici all'interno del catalogo di Xbox Game Pass e già questo rappresenta un punto a favore per Sword Art Online: Fatal Bullet, che potrebbe essere addirittura l'unico rappresentante del suo genere (sebbene inteso in maniera allargata) nel servizio su abbonamento Microsoft, in effetti. Si tratta peraltro di un capitolo piuttosto particolare all'interno della lunga e fortunata serie che comprende anche prodotti d'animazione e altro, in quanto Fatal Bullet presenta anche delle caratteristiche maggiormente afferenti allo sparatutto in terza persona piuttosto che al JRPG classico. Il gioco si presenta come seguito di Hollow Realization ma sposta la storia in un nuovo mondo, quello del gioco Gun Gale Online, seguendo le gesta di un protagonista la cui costruzione è affidata al giocatore oltre a una campagna che segue anche il classico personaggio principale, Kirito. Nonostante si presenti un po' in sordina, con una delle ambientazioni meno sfruttate dalla serie, Sword Art Online: Fatal Bullet si rivela essere uno dei migliori capitoli, in grado di mettere in scena le caratteristiche delle light novel in maniera convincente anche se con diversi spigoli che rimangono da smussare.

FTL: Faster Than Light - PC, 9 gennaio

Il roguelike ha incontrato una nuova giovinezza da qualche anno a questa parte, soprattutto grazie a una grande quantità di produzioni indie che hanno trovato, nelle ruvide caratteristiche dello pseudo-genere classico in questione, degli ottimi spunti per mettere in scena concetti decisamente nuovi e alternativi. FTL: Faster Than Light è uno dei giochi che hanno dato il via a questa new wave a base di permadeath e difficoltà proibitiva, qui peraltro con ben poche consolazioni rispetto ai "Rogue-lite" emersi in seguito visto che il tasso di sfida è veramente elevato. Si tratta di prendere un'astronave e lanciarsi in un viaggio tra diversi sistemi, costretti a gestire le limitate risorse a disposizione essenzialmente per sopravvivere, di salto in salto, sperando di arrivare il più lontano possibile. La gestione della nave ci mette costantemente di fronte a problemi da risolvere tra attacchi alieni, danni da meteoriti e altri imprevisti che capitano in continuazione, oltre alla necessità di controllare il livello di ossigeno e carburante: si tratta di trovarsi costantemente a corto di qualcosa, sospesi tra il dramma della sopravvivenza nello spazio e il fascino dell'esplorazione.

Tekken 7 - Xbox One, 16 gennaio

Tekken 7 è un po' la risposta perfetta alle aspettative della community di questa serie da parte di Bandai Namco, proseguendo perfettamente nella tradizione tracciata dal franchise e proponendone un'evoluzione delle meccaniche e dei contenuti senza particolari stravolgimenti. Il vulcanico Katsuhiro Harada ha presentato il gioco nel corso dell'EVO 2014, prima di tutto come titolo arcade e poi nella sua conversione su console, primo capitolo della serie basato su Unreal Engine. La storia riprende l'eterna lotta tra Mishima padre e figlio, coinvolgendo una grande quantità e varietà di personaggi che comprendono anche ospiti provenienti da titoli SNK, Square Enix e da fumetti per un notevole totale di 52 personaggi. Per il resto, si tratta del buon vecchio picchiaduro uno contro uno in 3D che conosciamo ormai dai primi anni 90, con qualche aggiunta particolare ad impreziosirne le meccaniche come la Rage Arts e la Power Crush, elementi che si integrano piuttosto bene nel gameplay classico tutto basato su combo, prese e scelta giusta dei tempi in cui effettuare attacchi e mosse difensive. L'arrivo di Tekken 7 su Game Pass è peraltro importante anche perché va ad arricchire l'offerta in un genere che finora non conta moltissimi esponenti nel catalogo.