Death Stranding: 10 milioni di giocatori raggiunti in 3 anni dal gioco di Hideo Kojima

Death Stranding festeggia il suo terzo anniversario con l'ottima notizia dei 10 milioni di giocatori raggiunti tra PC, PS4 e PS5, nelle varie versioni.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   08/11/2022
125

All'alba del suo terzo anniversario, Death Stranding festeggia i 10 milioni di giocatori raggiunti all'interno del suo particolare mondo post-apocalittico tra PC, PS4 e PS5, con Kojima Productions ad annunciare il traguardo raggiunto in un tweet celebrativo ufficiale.

Death Stranding e la sua versione aggiornata, Death Stranding Director's Cut hanno dunque fatto registrare un totale di 10 milioni di giocatori registrati all'interno del gioco in tutto il mondo, considerando le versioni PS4, PS5 e PC disponibili sul mercato. Non si parla propriamente di vendite ma di utenti registrati all'interno del gioco, cosa che comprende anche coloro che vi hanno accesso attraverso il catalogo di PlayStation Plus e PC Game Pass.

"Con dati aggiornati all'8 novembre 2022, Death Stranding ha connesso oltre 10 milioni di Porters in tutto il mondo attraverso PS4, PS5 e PC. Grazie a tutti per il supporto!" Ha scritto Kojima Productions dal proprio account Twitter, specificando poi vari altri dettagli in un comunicato stampa successivo.

Death Stranding festeggia proprio oggi il suo terzo anniversario, essendo uscito originariamente l'8 novembre 2019 su PS4, poi arrivato il 14 luglio 2020 su PC e rinnovato con la nuova versione Death Stranding Director's Cut su PS5 e PC il 24 settembre 2021. Quest'ultima contiene vari miglioramenti tecnici oltre ad alcune rielaborazioni dei contenuti, che la rendono "l'esperienza definitiva" per il gioco di Hideo Kojima.

Death Stranding è peraltro disponibile su PlayStation Plus e anche su PC Game Pass, cosa che ne ha sicuramente espanso ulteriormente la platea di pubblico, consentendogli di arrivare al risultato annunciato oggi. Nel frattempo, restiamo in attesa di notizie sull'ormai probabile Death Stranding 2, mentre di recente siamo rimasti tutti colpiti dalla triste notizia della morte di Ryan Karazija dei Low Roar, che aveva preso parte in maniera importante alla colonna sonora.