God of War: Ragnarok, interviene anche Phil Spencer: non vede l'ora di giocarci

L'animata discussione attorno alla data di uscita di God of War: Ragnarok ha visto anche l'intervento di Phil Spencer, che non vede l'ora di giocarci.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   01/07/2022
180

God of War: Ragnarok sta facendo parecchio discutere nelle ultime ore, e dopo tante polemiche è intervenuto anche Phil Spencer, il CEO di Microsoft Gaming, per dare manforte a Cory Barlog e dichiarare pubblicamente che non vede l'ora di giocare con il nuovo capitolo della serie.

Come saprete, l'annuncio della data di God of War: Ragnarok è stato rinviato rispetto ai piani originali, che fissavano al 30 giugno l'arrivo di un trailer del gioco che ne indicasse l'uscita. Così parecchi utenti si sono innervositi, arrivando addirittura a inviare foto di peni agli sviluppatori.

Quando un fan ha detto di essere arrabbiato con il leaker The Snitch e con Jason Schreier per tutta questa frustrazione sulla previsione che non si è avverata, Barlog gli ha risposto che non bisogna necessariamente trovare qualcuno a cui dare la colpa.

"La risposta non è trovare qualcuno da accusare o verso cui incanalare l'odio", ha scritto il director di God of War. "Piuttosto è il caso di essere grati per ciò che hanno fatto finora e di trattare le persone che creano le cose che amiamo con dignità e rispetto. Questa non è una battaglia, non siamo in guerra: stiamo solo cercando di realizzare e goderci delle esperienze insieme."

"Davvero ben detto, Cory", è intervenuto a questo punto Phil Spencer. "Non vedo l'ora di godermi God of War: Ragnarok quando uscirà. Voglio ringraziare te e il team per lo straordinario lavoro che vi vede impegnati a creare cose che amiamo. Grazie."