Processo Fortnite: Epic Games vuole chiamare in causa Microsoft Xbox contro Apple

Microsoft Xbox potrebbe fare il suo ingresso a sorpresa nel processo tra Epic Games e Apple, con un executive che potrebbe essere chiamato a testimoniare.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   15/04/2021
64

La causa che vede fronteggiarsi Epic Games contro Apple sulla famosa questione legata alle micro-transazioni di Fortnite potrebbe allargarsi a comprendere anche Microsoft Xbox, che Epic vorrebbe chiamare in causa per testimoniare contro la casa di Cupertino.

La questione sembra abbia piuttosto innervosito Apple, in base a quanto riferito da Stephen Totilo, che sta seguendo il caso: "Nel frattempo, Apple sembra piuttosto seccata dal fatto che Epic voglia chiamare un executive Xbox a testimoniare contro Apple, sul fatto che la compagnia non abbia concesso l'uso di xCloud su iOS".

Ricordiamo infatti che la distribuzione del servizio xCloud e quindi Xbox Game Pass su iOS è stata interrotta per volere di Apple, nonostante l'insistenza di Microsoft per proseguire con il progetto. In base a quanto riferito, sembra che l'executive Xbox in questione sia in possesso di un carteggio composto da oltre 300 email scambiate con Apple sulla questione, un dibattito che comunque è termine con un nulla di fatto, visto che la casa di Cupertino ha fatto muro sulla questione, impedendo l'approdo di xCloud e Game Pass su iOS.

C'è da dire che già all'inizio della causa proprio Microsoft aveva dimostrato pubblicamente il suo supporto per Epic Games, anche se specificamente per quanto riguardava il blocco imposto all'Unreal Engine su iOS, e la cosa potrebbe porla in una posizione favorevole per essere chiamata in causa, dunque è possibile che questo misterioso executive di Xbox possa fare la propria comparsa a testimoniare contro Apple.

D'altra parte, è difficile immaginare che Microsoft abbia intenzione di esporsi in tribunale contro la sua concorrente storica, vista la necessità di mantenere buoni rapporti tra le due compagnie, tuttavia se dovesse essere considerata un elemento essenziale al processo potrebbe non poter evitare l'intervento.

In ogni caso, risulta interessante pensare che la questione si stia allargando a coinvolgere anche Xbox, cosa che potrebbe anche effettivamente cambiare la questione della disponibilità di xCloud su iOS, nel caso in cui sopraggiungessero decisioni specifiche al riguardo da parte della corte, nonostante la questione fosse già stata parzialmente risolta bypassando i problemi con un'app.