Valorant: Phox, aspirante pro player, bannato a vita per aver usato trucchi

A quanto pare la promettente carriera del pro player Phox finisce qui: è stato bannato da Valorant per aver utilizzato trucchi; interviene anche Riot Games.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   22/07/2020
24

Nelle scorse ore Phox, aspirante pro player di Valorant che rimarrà probabilmente tale per tutta la vita, ha annunciato il suo ritiro precoce dal titolo di Riot Games. Lo ha fatto su Twitter, adducendo come motivazioni lo stress e preoccupazioni per la sua salute mentale. Invece niente di tutto ciò: aveva usato dei trucchi.

A rispondere al suo tweet infatti è stato Matt Paoletti, sviluppatore proprio presso il team di Valorant e di Riot Games in qualità di esperto in sistemi anti-cheating. Insomma, per farla breve Paoletti è uno degli impiegati che controlla i ban inflitti ai vari giocatori scorretti, che usano trucchi e fanno ricorso a cheat di ogni tipo. Considerato il piano di sviluppato di Valorant, molto ambizioso, è normale che si tenti di rendere il titolo il più possibile privo di difetti.

"Se torni, però, la prossima volta non usare trucchi per favore" ha commentato Paoletti. Ciò chiaramente ha illuminato i lettori circa i veri motivi del ritiro dell'aspirante pro player Phox. Ma il siparietto non è finito qui, tutt'altro. Il team Weak, che aveva accolto Phox, è corso su Twitter per difendere il compagno, assicurando a tutti che si trattava di una persona onesta. E invece erano stati bannati anche gli altri membri del team. Solo che, prestando fede alle loro parole naturalmente, "non lo avevano ancora scoperto".

Insomma, un ban di gruppo per il team, e la fine della carriera di Phox. Almeno finché Riot Games non vorrà ripensarci e ritirare il ban inflitto su Valorant, cosa che potrebbe anche accadere se forse i ragazzi faranno ammenda. Sembra sia anche disponibile un video in grado di mostrare il loro comportamento scorretto in azione, ve lo riportiamo qui di seguito.

E poi il commento degli sviluppatori: