Epic Games ed Apple devono darsi una calmata, avvisa il giudice

Gli avvocati di Epic Games ed Apple, nonché le rispettive società, devono darsi tutti una calmata: è il monito del giudice.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   21/10/2020
31

Il giudice che dovrà decidere della causa legale tra Epic Games ed Apple ha lanciato il suo monito: tutte e due le parti in causa devono darsi una calmata. Letteralmente "to cool the nastiness", per essere ancora più precisi.

Insomma, è il parere del(la) giudice Yvonne Gonzalez Rogers che sia Epic Games che Apple, con tutti i rispettivi avvocati, debbano smetterla di presentarsi alle udienze incattiviti, così come dovrebbero smorzare i toni nel rivolgersi l'una all'altra (o gli uni agli altri). La situazione appare particolarmente tesa, e nessuna delle due parti in causa smette di lanciare frecciatine contro l'altra.

Del resto, come si dice, "nulla di nuovo sotto il sole". Epic Games ha accusato Apple di aver mentito sul calo di popolarità di Fortnite su sistemi iOS, mentre Apple ha definito la causa legale di Epic una mera campagna pubblicitaria, e potremmo continuare per un bel pezzo; ma non lo faremo. Per il momento Fortnite resta escluso da iOS e macOS (dunque da iPhone, iPad e Mac), almeno fino a maggio 2021, quando si terrà la nuova udienza.

Per il giudice, attualmente, pare che nessuna delle due società si sia comportata con trasparenza. Epic Games avrebbe sbagliato nell'aggirare il sistema di pagamento di Apple con il trucchetto del doppio negozio di Fortnite Battaglia Reale; ma Apple avrebbe sbagliato eliminando dai suoi sistemi ogni singolo prodotto legato ad Epic, su tutti l'Unreal Engine. Come andrà a finire questa storia? E soprattutto, le società si daranno una calmata?