Scuf Instinct Pro, la recensione del controller PC e Xbox di eccellente qualità

Scuf Gaming conferma l'impegno con le piattaforme Microsoft lanciando un nuovo, straordinario controller per Xbox e PC: ecco la recensione di Scuf Instinct Pro.

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   19/10/2021
46

La recensione di Scuf Instinct Pro dimostra come il mercato dei controller professionali sia in costante evoluzione, teso ad apportare importanti miglioramenti ai dispositivi sulla base dei feedback raccolti dagli utenti. Si tratta del modo migliore di procedere, senza dubbio, e ha portato in questo caso Scuf Gaming a realizzare un prodotto davvero straordinario.

In termini puramente estetici, Scuf Instinct Pro riproduce le fattezze del controller di Xbox Series X|S, con dimensioni solo lievemente inferiori, ma sotto la scocca - letteralmente - vanta tutta una serie di feature innovative ed efficaci, frutto di uno studio preciso atto a migliorare le prestazioni in-game e mettere a disposizione dei giocatori soluzioni potenti e al contempo versatili.

Scuf Instinct Pro, visuale frontale
Scuf Instinct Pro, visuale frontale

Certo, la qualità si paga: Scuf Instinct Pro è disponibile per l'acquisto sul sito ufficiale di Scuf Gaming a un prezzo che parte da 219,99€, e che prevede una quantità enorme di personalizzazioni extra che vanno dal colore della scocca a quello dei pulsanti, dalle caratteristiche degli stick intercambiabili alle finiture, dal d-pad ai tasti dorsali e ai trigger, passando infine per la possibilità di rimuovere la vibrazione e ridurre così il peso del dispositivo.

Chi vuole risparmiare può optare per lo Scuf Instinct, che a partire da 189,99€ offre le stesse caratteristiche del modello Pro con l'unica eccezione dei trigger istantanei (fra poco vi spiegheremo cosa sono) e della finitura a rilievo per aumentare il grip.

Caratteristiche hardware

Scuf Instinct Pro impugnato con una mano
Scuf Instinct Pro impugnato con una mano

Dotato di connettività wireless Bluetooth (alimentata da due pile AA) o wired con cavo USB-C a USB-A, Scuf Instinct Pro è compatibile con Xbox Series X|S, Xbox One, PC con sistema operativo Windows 10, MacOS Catalina, iOS dalla versione 10 in su e Android. La garanzia del produttore ha un durata di 180 giorni.

La configurazione degli analogici è ovviamente asimmetrica, visto che il dispositivo riprende le fattezze del controller di Xbox Series X|S, e anche la collocazione dei pulsanti è identica nella parte frontale del joypad, con l'unica eccezione di un tasto extra in stile DualSense che consente di disattivare il microfono delle cuffie collegate via jack da 3,5 millimetri o utilizzando la porta proprietaria di Xbox. Quest'ultima rende il prodotto compatibile con gli accessori ufficiali.

Scuf Instinct Pro con faceplate rimosso
Scuf Instinct Pro con faceplate rimosso

Restando nella zona frontale, il faceplate di Scuf Instinct Pro può essere rimosso facilmente, essendo tenuto in sede tramite quattro piccoli ma potenti magneti. L'operazione va eseguita per sostituire eventualmente gli stick analogici, che si innestano in maniera molto semplice nei rispettivi meccanismi, e il d-pad, fissato anch'esso tramite un magnete. Il modello che ci è stato consegnato per la prova disponeva di due stick di ricambio, uno alto e concavo e uno alto e convesso, ma come detto è possibile acquistare componenti diversi sulla base delle proprie esigenze.

Passiamo quindi alla zona posteriore del controller, quella più interessante per via delle tante innovazioni introdotte da Scuf Gaming. Al di là della finitura gommata che migliora in maniera sostanziale il grip, è possibile notare quattro ampie palette integrate nel design, molto diverse da quelle che siamo abituati a vedere, e due selettori che servono per trasformare i grilletti da analogici a istantanei.

Scuf Instinct Pro, il retro col dettaglio dei selettori per i grilletti istantanei
Scuf Instinct Pro, il retro col dettaglio dei selettori per i grilletti istantanei

Si tratta senza dubbio di una delle feature più rilevanti di Scuf Instinct Pro, in grado di donarci uno spunto extra durante i match competitivi andando ad annullare la latenza sistematica dei trigger e determinandone l'attivazione con un semplice e immediato click che sembra quello di un mouse, anche dal punto di vista acustico. Non sono dunque necessari componenti extra da montare: basta girare i due selettori indipendenti per ottenere questa trasformazione.

Lo si può fare anche durante il gioco, usando le dita medie, ma solo per attivare i trigger istantanei e non per effettuare la manovra contraria: in quel caso bisogna fermarsi un secondo e ricorrere all'uso di altre dita. A tal proposito, avremmo preferito una disposizione differente dei selettori: con i trigger istantanei attivati si integrano nel design del controller, mentre con i trigger analogici spuntano di qualche millimetro e possono dare un po' fastidio nel caso in cui non si tengano le dita in corrispondenza delle quattro palette bensì più in alto, in una posizione rilassata.

A proposito delle palette, come detto quelle di Scuf Instinct Pro adottano soluzioni innovative e intuitive, che consentono di agire su tali input senza dover fare movimenti strani. Si trovano infatti nell'incavo fra i manubri e il corpo centrale del controller, e vanno azionate con le dita medie in pressione, cioè stringendo la mano, oppure in estensione, eseguendo un movimento di apertura. È interessante notare come i designer abbiano regolato la resistenza delle palette per risultare uguale a prescindere dalla minore forza esercitata nel secondo caso.

Assegnare specifici comandi alle palette è semplicissimo: basta premere il pulsante per la selezione del profilo sul retro del controller e impostare quello che desideriamo modificare fra i tre disponibili, tenere premuto lo stesso pulsante finché la spia del profilo non lampeggia, quindi azionare le palette insieme ai pulsanti che vogliamo replicare su di esse e infine premere di nuovo il tasto di selezione del profilo. Un'operazione talmente veloce che è possibile effettuarla anche nel mezzo di un match competitivo.

Scheda tecnica Scuf Instinct Pro

  • Design analogici: asimmetrico
  • Compatibilità: Xbox (tutte), PC (Win 10), Mac (Catalina), iOS (10), Android
  • Connettività: wireless (RF, Bluetooth), wired
  • Alimentazione: 2 batterie AA
  • Pulsanti: 17 più analogici e d-pad
  • Parti sostituibili: analogici e d-pad
  • Programmabile: sì, tre profili
  • Porte: USB-C, porta espansione Xbox, jack audio da 3,5 millimetri
  • Dimensioni: 168 x 108 x 53 millimetri
  • Peso: 280 grammi

Design

Scuf Instinct Pro visto di lato
Scuf Instinct Pro visto di lato

Come accennato in apertura, il design di Scuf Instinct Pro riprende in maniera molto fedele quello del controller di Xbox Series X|S, con dimensioni quasi identiche e differenze determinate unicamente dalle tante personalizzazioni estetiche disponibili all'atto dell'acquisto, nonché da un paio di serigrafie collocate alle estremità che riproducono il logo Scuf e il nome del prodotto.

Entrando nel dettaglio, le misure del controller sono pari a 168 x 108 x 53 millimetri, per un peso di 280 grammi.

Nel nostro caso abbiamo ricevuto un modello in grado di ricordare il design e i colori di Multiplayer.it: faceplate bianco, pulsanti con combinazione nero / arancione, i ring che circondano gli analogici anch'essi arancioni e la totalità dei tasti di colore nero: una configurazione che costa in totale 236,96€, e che vanta senza dubbio un'estetica essenziale, moderna e stilosa.

Esperienza d'uso

Scuf Instinct Pro, una foto ufficiale col dettaglio della serigrafia laterale
Scuf Instinct Pro, una foto ufficiale col dettaglio della serigrafia laterale

Abbiamo provato Scuf Instinct Pro su PC e Xbox Series S, riscontrando fin da subito un'ergonomia eccellente, il peso ideale e una qualità costruttiva indiscutibile. Sensazioni che avevamo già sperimentato ai tempi della recensione di Scuf Impact, un paio di anni fa, ma enfatizzate in questo caso dalle tante innovazioni introdotte dal produttore.

La possibilità di memorizzare profili differenti a seconda del gioco è infatti una gran bella cosa, così come la rapidità con cui è possibile impostare una nuova associazione o passare dai trigger analogici a quelli istantanei, che fanno effettivamente una grossa differenza negli sparatutto, andando a migliorare i tempi di reazione riducendo la latenza degli input.

Back 4 Blood, i personaggi esplorano una foresta di notte
Back 4 Blood, i personaggi esplorano una foresta di notte

Scuf Instinct Pro su Xbox

Scuf Instinct Pro può essere utilizzato su Xbox Series X|S o Xbox One esattamente come il controller ufficiale Microsoft, e si collega alla stessa maniera, utilizzando la tecnologia wireless RF oppure il cavo in dotazione. Durante la nostra prova abbiamo testato il dispositivo con alcuni dei titoli appartenenti al catalogo di Xbox Game Pass, in particolare Back 4 Blood (qui la recensione) e Gears 5 (qui la recensione) ma anche il battle royale Fortnite e il gioco di guida Forza Horizon 4.

In tutti i casi lo Scuf Instinct Pro si è dimostrato un prodotto eccellente, comodissimo e preciso, in grado di restituire un'esperienza di grado premium e di fornire un importante supporto nei contesti competitivi grazie ai trigger istantanei e alle palette programmabili, che permettono di eseguire immediatamente azioni che avrebbero altrimenti richiesto di alzare le dita dai grilletti o dagli analogici.

Call of Duty: Black Ops Cold War, una sequenza di combattimento in multiplayer
Call of Duty: Black Ops Cold War, una sequenza di combattimento in multiplayer

Scuf Instinct Pro su PC

Se possedete un PC da gioco con Windows 10, potete collegare Scuf Instinct Pro in pochi secondi tramite Bluetooth oppure utilizzare il cavo o, ancora, il ricevitore ufficiale Xbox. Oltre a testare il controller con gli stessi titoli di Xbox via Game Pass, abbiamo provato anche il multiplayer competitivo di Call of Duty: Black Ops Cold War (qui la recensione) e di Apex Legends (qui la recensione), godendo in entrambi i casi della maggiore reattività garantita dai trigger istantanei.

Abbiamo inoltre avuto modo di provare il dispositivo all'interno di esperienze single player, come l'action a base open world Assassin's Creed Valhalla (qui la recensione), la coinvolgente avventura A Plague Tale: Innocence (qui la recensione) e il frenetico DOOM Eternal (qui la recensione), confermando sempre la qualità e l'affidabilità del prodotto.

Commento

Prezzo 219,99 €

Multiplayer.it

8.8

Scuf Instinct Pro è un controller professionale eccellente, senza dubbio costoso ma in grado di offrire una qualità straordinaria e tante feature innovative ed efficaci. Parliamo di un dispositivo capace di cambiare davvero l'esperienza di gioco, specie negli ambiti competitivi, grazie ai trigger istantanei azionabili al volo e alle palette integrate nel design, comode da usare e programmabili in pochi istanti tramite i tre profili disponibili.

PRO

  • Qualità e design eccellenti, tante personalizzazioni
  • I grilletti istantanei fanno la differenza
  • Palette integrate nel design e programmabili al volo
CONTRO
  • Costa parecchio
  • Usa pile AA e non un pack ricaricabile
  • I piccoli selettori posteriori possono dare fastidio alle dita