Halo Infinite, le nostre impressioni sulla beta tecnica!

Se tecnicamente c'è ancora molto da fare, il gameplay della beta di Halo Infinite ci ha riportato subito ai migliori capitoli della serie

PROVATO di Francesco Serino —   31/07/2021
154

Dopo l'episodio originale del 2001, Halo Infinite rappresenta forse il capitolo più importante della serie. Il primo ha lasciato un segno perché ha dato vita ad ambientazione e gameplay, e lo ha fatto tanto bene che ai successivi bastavano piccole reinvenzioni per avere successo, visto che il brand era al suo apice e il pubblico ne voleva sempre di più. L'impegno di Bungie e un marketing aggressivo hanno poi fatto da ulteriore propulsore (ricordate l'ARG chiamato I Love Bees?). Attorno ad Halo sono sempre accadute cose assurde, che lo hanno aiutato ad entrare immediatamente nella leggenda. Poi, quando Bungie è scappata tra le braccia di Destiny, Microsoft aveva già tra le mani lo studio che l'avrebbe sostituita, quei 343 Industries fondati nel 2007 con un unico scopo: permettere ad Halo di sopravvivere ai suoi creatori originali.

Per anni lo studio ha preso le misure con Halo, dalle mappe di Halo Reach alla versione Anniversary del capostipite, per poi lanciarsi in Halo 4 e Halo 5, due capitoli solidi ma lontani dai tempi in cui Master Chief faceva girare le teste. Halo andava tenuto in vita mentre i nuovi sviluppatori crescevano, aspettando che fosse il momento giusto per un rilancio concreto. Dopo aver provato la beta tecnica del multiplayer di Halo Infinite, siamo ancora più convinti che il momento giusto sia arrivato.

Tra passato, presente e futuro

Per Halo Infinite il momento giusto saranno proprio i prossimi dodici mesi, ma l'anticipo sui tempi è riuscito soltanto a metà. Da una parte possiamo già dire che 343 Industries hanno intercettato i gusti del pubblico perfettamente, proponendo un Halo che chiaramente strizza l'occhio alle origini, anche da un punto di vista di feedback dei comandi. Magari non tutti saranno felici di questa scelta, ma a giudicare dalle prime reazioni, gli appassionati di vecchia data si stanno già sfregando le mani. Dove invece le cose non stanno andando come previsto, è nello sviluppo vero e proprio: Covid o meno, i lavori su questo atteso Halo Infinite non sembrano affatto essere andati secondo i piani, lo abbiamo visto nella fallimentare presentazione del 2020, e questa prima Beta certo non ci ha fatto cambiare idea. Il client che abbiamo dovuto scaricare è sicuramente vecchio di qualche mese, e non è questo il momento di giudicare l'aspetto tecnico del gioco, si vede però che siamo ancora nel pieno dello sviluppo e non ce lo saremmo aspettati a questo punto.

Il carattere di Halo

Halo Infinte Tech Beta: La mappa è piccola ma di qualità, e include diversi dislivelli oltre a una torre centrale per sfruttare al meglio i fucili a lunga gittata.
Halo Infinte Tech Beta: La mappa è piccola ma di qualità, e include diversi dislivelli oltre a una torre centrale per sfruttare al meglio i fucili a lunga gittata.

Molti utenti in queste ore stanno segnalando problemi di performance e ottimizzazione della beta su PC, ma nel nostro caso non solo l'esperienza è andata alla grande, ma ci siamo potuti tranquillamente spingere verso i settaggi più alti. Halo Infinite migliorerà anche dal punto di vista tecnico, e siamo certi che specialmente nella campagna se ne vedranno delle belle, ma il multiplayer ha chiaramente altri focus e un altro tipo di fascino: quello di un gameplay fisico e feroce, tra scontri muso a muso, mentre due Warthog si inseguono e l'area di gioco viene bombardata a secco. Insomma, inutile girarci attorno, parliamo del gameplay di Halo, del respiro delle battaglie di Halo, della sua eccezionale versatilità. Nonostante i tentativi di emulazione, il carattere del gioco rimane la ricetta segreta per emergere, per lasciare il segno com'è chiamato a fare Infinite.

Non chiamatela demo

Halo Tech Beta: Oltre all'inutile scatto, è possibile anche scivolare a terra con il classico schema di comandi presente in ogni FPS. Se saltiamo vicino al bordo di una piattaforma rialzate, il nostro personaggio eseguirà un'arrampicata immediata piuttosto utile.
Halo Tech Beta: Oltre all'inutile scatto, è possibile anche scivolare a terra con il classico schema di comandi presente in ogni FPS. Se saltiamo vicino al bordo di una piattaforma rialzate, il nostro personaggio eseguirà un'arrampicata immediata piuttosto utile.

Lo scopo dichiarato della Halo Infinite Tech Beta è quello di mettere sotto stress i server e capire come funziona l'intelligenza artificiale dei bot, non a caso l'unica modalità presente è una 4v4 chiamata Marine Bot Slayer, nel quale solo una squadra è composta da giocatori, mentre l'altra da bot. C'è quindi molto poco da giocare: per quanto si possa essere interessati ad Halo Infinite, dopo un paio di ore hai visto e provato tutto. L'intelligenza artificiale, nonostante lavori a livelli di difficoltà molto bassi che verranno alzati progressivamente lungo la beta, appare già molto abile e in grado di sfruttare la mappa in modi effettivamente sorprendenti. Ma parliamoci chiaro, alla fine la parte interessante per noi è un'altra: mentre loro lavorano e testano, noi possiamo finalmente provare con mano le due cose che ci interessano di più, vale a dire il gunplay e il feeling nei movimenti.

Halo Infinite Tech Beta: natura verdeggiante, strutture bianche, la mappa presente nella beta abbraccia totalmente questo stile grafico, garantendo fascino e leggibilità dell'azione
Halo Infinite Tech Beta: natura verdeggiante, strutture bianche, la mappa presente nella beta abbraccia totalmente questo stile grafico, garantendo fascino e leggibilità dell'azione

Halo Infinite, come già anticipato, torna indietro per guardare avanti, cercando di trovare quel difficile bilanciamento tra pesantezza e agilità collocandosi a metà strada tra i primi classici e i ritmi introdotti in Halo 5. Con le armi siamo sulla buona strada: sono massicce, suonano alla grande, e maneggiarle col pad onora le vecchie conoscenze e rende interessanti le novità. Il movimento invece è ancora in alto mare, e sarà necessario trovare una soluzione prima dell'uscita: allo stato attuale c'è un comando che consente di scattare, ma la velocità è di poco superiore alla camminata. Per contro, quando si cammina, si ha la sensazione di viaggiare con dei passetti veloci che difficilmente Master Chief approverebbe. Ve la buttiamo là: forse sarebbe il caso di eliminare lo sprint aumentando la velocità della camminata normale? Solo una delle tante soluzioni in mano a 343 Industries.

Marine Bot SLayer

Halo Infinite Tech Beta: ecco la schermata principale, dove è possibile vedere un po' tutto ciò che questa beta offre. Peccato che la personalizzazione non sembra ancora funzionare a dovere.
Halo Infinite Tech Beta: ecco la schermata principale, dove è possibile vedere un po' tutto ciò che questa beta offre. Peccato che la personalizzazione non sembra ancora funzionare a dovere.

Anche la mappa nella quale ci è stato permesso giocare è un sunto perfetto della tipica arena da deathmatch di Halo, semplice e schematica quanto decisamente ben pensata. Qui si parte con un equipaggiamento standard, ma potremo raccogliere armi e gadget in luoghi prestabiliti, fermo restando che gli strumenti migliori hanno un cooldown piuttosto consistente, che ne regola la distribuzione e mira a preservare il bilanciamento del match.

Tolti di mezzo i poteri di Halo 5, con il quale la community aveva un rapporto di odio e amore, per movimentare le partite la beta di Halo Infinite si limita a offrire solo due gadget: il classico sistema di occultamento e l'ancor più classico scudo frontale da posizionare a terra. Le armi che non abbiamo trovato nella modalità Marine Bot Slayer le abbiamo potute provare nel Weapon Drills, ovvero una sorta di poligono di tiro, al momento molto rudimentale, dove ci si può mettere alla prova con bersagli fissi e in movimento. Questa beta è stata utile anche per farci un'idea dei Pass - che al contrario dei pass stagionali visti in altri giochi continueranno a essere disponibili all'acquisto anche scaduto il loro tempo limite - sebbene al momento non abbiamo notato particolare inventiva in quel che è possibile sbloccare: principalmente colori e nuove parti di armatura per personalizzare il nostro personaggio e le sue armi.

La seconda mappa e il rampino

20210731162115 1

Al suo secondo giorno, la Halo Infinite Tech Beta si aggiorna silenziosamente con nuovi contenuti. Quanta differenza possono fare una nuova mappa, nuovi strumenti a disposizione dei giocatori e una IA più cattiva per i Bot? Un mondo di differenza. Un po' tutto il client sembra sia stato ripulito a dovere, hanno per esempio risolto dei bug che non permettevano di equipaggiare ciò che sbloccavi attraverso il season pass, e in generale i server sembrano andare molto meglio.

Ma questo è il meno, c'è anche una nuova mappa chiamata Recharge che finalmente ci sguinzaglia su un'area più grande, tortuosa e interessante. Se la prima mappa è una sorta di piccolo compito in classe ben riuscito, in Recharge si comincia a respirare una certa esperienza. Cambia l'ambientazione, ora siamo al chiuso, cambiano i colori e deve cambiare anche l'approccio che avremo al match. In Recharge un team capace può ritagliarsi un buon fronte, ma uno altrettanto abile potrà sempre trovare un modo per aggirarlo, specialmente ora che ha fatto la sua comparsa il rampino, qui conosciuto col nome di Grappleshot. Il rampino non ce lo aspettavamo, ma non poteva essere realizzato meglio: non è facile da utilizzare, specialmente se lo vuoi utilizzare in modo offensivo, per esempio per avvicinarti a tutta forza verso un nemico per colpirlo al momento giusto con la mossa corpo a corpo, e senza dubbio ne vedremo tantissimi morire per una manovra scomposta. Al momento non ci è sembrato che avesse effetto direttamente sul corpo dei nemici, mentre basta prendere un attimo le distanze per attaccarlo senza problemi tra muri, casse e soffitti, in modo da eseguire voluminosi ma non esagerati balzi nella direzione scelta.

Migliora anche la varietà degli oggetti da trovare in giro, finalmente si vede lo scudo personale ed è stata inserita anche la prima arma melee, ovvero il Gravity Hammer che unito agli slanci di rampino può combinare letteralmente il panico tra le fila nemiche. E a proposito di nemici, ora i bot hanno un'IA settata a livello di difficoltà più alto, inutile dire quanto questo renda tutto molto più divertente. Eppure la nuova IA non ci ha stupito per la sua bravura, che c'è e ora sorprende anche nella varietà di quello che riesce ad organizzare, tanto quanto per i suoi limiti simulati: ci è capitato di nasconderci sopra una passerella sospesa, e il Bot che stava passando di sotto ha continuato la sua corsa come se non ci fossimo, salvo poi accorgersi all'improvviso di noi e iniziare l'inevitabile il conflitto a fuoco. Un'interazione estremamente umana, per dei Bot che ora vincono e nemmeno così raramente.

UPDATE: L'articolo è stato aggiornato per riflettere i contenuti e le novità introdotte nella beta successivamente alla pubblicazione.

Questa Tech Demo ci ha mostrato un gioco più indietro di quanto speravamo, ma senza dubbio sulla buona strada per soddisfare tutti gli appassionati grazie a un gameplay finemente tarato verso i ritmi più classici della serie. Il multiplayer di Halo Infinite, che ricordiamo sarà free to play, dovrebbe arrivare in tempo per le feste natalizie, mentre ancora nulla ci è dato sapere sulla campagna (anzi, sulle campagne visto che saranno più d'una) che invece andrà normalmente acquistata o scaricata dal Game Pass.

CERTEZZE

  • Mobilità e gunplay fanno sentire a casa
  • Bot molto bravi in attacco, un po' troppo passivi in difesa
  • Che colonna sonora!
DUBBI
  • Ripensare la corsa
  • Radar poco affidabile e poco chiaro
  • In fondo non abbiamo ancora visto nulla...