Un videogioco di Mario e Donkey Kong nel 2022? - La Bustina di Lakitu

Alla fine del prossimo anno arriverà un film su Super Mario: al suo interno ci sarà anche Donkey Kong: quante possibilità ci sono che sarà accompagnato da un gioco?

RUBRICA di Alessandro Bacchetta   —   16/10/2021
39

Nintendo si trova in una situazione florida: Switch vende alla grande e presumibilmente continuerà a farlo per diverso tempo. La pubblicazione della versione OLED con molta probabilità aiuterà a ottenere degli ottimi numeri a Natale. Nonostante questo la nuova generazione incombe e questa particolare transizione sarà la più difficoltosa della storia dell'azienda. Non la più rischiosa - quella è stata la precedente - ma una estremamente complicata: il marchio Switch va forte e su di esso si può costruire, ma Nintendo non è mai stata particolarmente brava a cementificare un brand, è sempre stata più abile nel lanciarli.

Tutto questo preambolo per dire che, nonostante il presente sia roseo, il futuro è alquanto incerto: non sappiamo quando arriverà il successore di Switch, come si chiamerà, se sarà preceduto da una piattaforma di transizione (il famigerato Switch Pro). Abbiamo alcune certezze e una di queste è rappresentata da un ricchissimo 2022: perfino troppo ricco, per essere un potenziale "ultimo anno" (a marzo 2023, Nintendo Switch compirà sei anni). Avremo Kirby e la Terra Perduta, Bayonetta 3 e Leggende Pokémon: Arceus, Splatoon 3. In teoria, dovrebbe arrivare anche il peso massimo per eccellenza e cioè il seguito di The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Un anno che sarebbe secondo - forse - al solo 2017, data di lancio di Nintendo Switch.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2: potrebbe arrivare nel 2022
The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2: potrebbe arrivare nel 2022

In questo panorama complicato e nebuloso, ma irradiato dall'elemento maggiormente importante (i giochi, per farla breve), sarebbe assurdo pensare di inserire anche un Super Mario. Non si sa quanto durerà ancora Switch e sono già stati annunciati una marea di giochi interni (una marea considerando che sarà il quinto anno della console): non ci sarebbe alcuna valida ragione, in teoria, per sperare/credere nel ritorno dell'idraulico italiano. Eppure le cose non stanno esattamente così e per capirlo servono due punti di vista diversi da quelli del "semplice" appassionato di videogiochi: uno che osservi la situazione più dall'esterno, l'altro che la scruti da ossessionato Nintendo.

Proseguiamo la nostra rubrica proprio da quest'ultimo punto di osservazione.

I tempi sono maturi per un nuovo Mario

Super Mario Odyssey: l'ultimo Super Mario originale, uscito nel 2017
Super Mario Odyssey: l'ultimo Super Mario originale, uscito nel 2017

Analizzando gli abituali tempi di sviluppo Nintendo, che vista la situazione pandemica potrebbero non essere attendibili, nel 2022 potrebbero uscire ben due giochi di Super Mario. Chiarifichiamo un attimo la situazione: all'interno di Nintendo esistono due gruppi che potremmo definire "team Mario". Uno è EPD 8, la squadra di Tokyo, responsabile dei capitoli tridimensionali della serie (come Super Mario Odyssey, per citare l'ultimo arrivato). L'altro è EPD 10, che cura i capitoli bidimensionali, nel dettaglio la saga di New Super Mario Bros. e quella di Super Mario Maker.

Avevamo parlato in questa puntata de La Bustina di Lakitu di una potenziale collaborazione tra le due parti, nell'ottica di sviluppare un nuovo gioco bidimensionale. Riassumiamo in breve la questione: sappiamo che entrambi i team, grazie a delle comunicazioni ufficiali sul sito Nintendo giapponese, stanno cercando personale: EPD 10 per un "gioco d'azione bidimensionale", EPD 8 invece sia per un "gioco d'azione bidimensionale" che per "un gioco d'azione tridimensionale". Posto che potrebbero essere tre progetti differenti, non è nemmeno improbabile che stiano collaborando nella lavorazione del "gioco d'azione bidimensionale": hanno già unito le forze in Super Mario Maker 2 e senza ombra di dubbio EPD 8 potrebbe aiutare i cugini a scolpire un titolo bidimensionale che sia al passo coi tempi e non un semplice omaggio al passato.

Entrambe le squadre non pubblicano da diversi anni. EPD 8 è in estremo ritardo: di solito facevano uscire almeno un gioco ogni tre anni, mentre ne sono passati già quattro da Super Mario Odyssey. Hanno collaborato alla realizzazione dell'espansione di Super Mario 3D World + Bowser's Fury, ma la manodopera principale è stata affidata a Nintendo Software Technology (team di Redmond). Insomma, nel 2022 dovrebbero essere pronti a pubblicare un altro gioco: sono già in ritardo, del resto.

La stessa cosa si può dire per EPD 10, tendenzialmente ancora più prolifica dei colleghi edochiani. Remake e adattamenti a parte, non pubblicano niente di originale dal 2019 e in particolare da Super Mario Maker 2: anche loro, in sostanza, potrebbero essere in grado di pubblicare qualcosa nel 2022. Che sia assieme a EPD 10 o meno.

Il film

Super Mario Maker 2: la prima collaborazione tra EPD 8 ed EPD 10
Super Mario Maker 2: la prima collaborazione tra EPD 8 ed EPD 10

L'altro punto di vista, quello più esterno rispetto al "normale" appassionato di videogiochi, ci suggerisce invece che non solo è possibile un nuovo gioco di Super Mario nel 2022, ma è addirittura sensato. Abbiamo parlato giorni fa del film di Super Mario in arrivo alla fine del prossimo anno: in questa sede non entreremo nei dettagli, ricorderemo solo quelli che ci interessano. Innanzitutto, è importante capire quanto Nintendo stia puntando seriamente su questo lungometraggio, che rappresenta un passaggio chiave nella strategia di espandere i propri brand al di fuori di un contesto prettamente videoludico. Ci punta talmente tanto che non solo il film è il progetto in cui Miyamoto (negli ultimi anni) è stato maggiormente coinvolto, ma addirittura Chris Meledandri, l'amministratore delegato (e fondatore) di Illumination Entertainment, lo studio responsabile della produzione, è l'unico occidentale presente nel consiglio di amministrazione Nintendo.

Puntare così tanto su un progetto del genere, senza pubblicare assieme al lungometraggio un videogioco a tema, sarebbe molto strano. E dubitiamo che Nintendo si lascerà scappare l'occasione: quindi è possibile che EPD 8 e/o EPD 10 non solo stiano realizzando un videogioco di Super Mario, ma che ne stiano creando uno appositamente per il film. Che non sappiamo di cosa parlerà, né dove sarà ambientato: abbiamo però qualche indizio.

Donkey Kong Country: Tropical Freeze: l'ultimo platform originale sul gorilla Nintendo
Donkey Kong Country: Tropical Freeze: l'ultimo platform originale sul gorilla Nintendo

Innanzitutto, sappiamo che il Super Nintendo World (il parco tematico) sarà presto espanso con un'area dedicata a Donkey Kong. E il gorilla, crediamo non casualmente, sarà anche presente nella pellicola animata che uscirà il prossimo anno; sarà doppiato da Seth Rogen. Saprete tutti che, originariamente, Donkey Kong era l'avversario di Super Mario (una sintesi brutale, perdonateci); un ruolo poi occupato da Bowser, con Donkey Kong che avrebbe trovato un nuova giovinezza e un nuovo filone da seguire, attraverso le opere di Rareware (prima) e Retro Studios (dopo). Ci riferiamo, naturalmente, a Donkey Kong Country.

Nel film i due si ritroveranno. E non si ritroveranno come in Super Smash Bros., si ritroveranno in un contesto condiviso, in un universo comune in cui ci saranno Mario, Luigi, Donkey Kong e Bowser. Il gorilla sarà riportato nella sua terra natia e, considerando che nessuna software house ne cura più le avventure, per lui potrebbe rappresentare un nuovo inizio.

Donkey Kong

Super Mario 3D World + Bowser's Fury: una collaborazione tra NST ed EPD 8
Super Mario 3D World + Bowser's Fury: una collaborazione tra NST ed EPD 8

Da qui entriamo nella pura speculazione. Già nell'ultimo Super Mario Odyssey si era intravista l'ombra del gorilla: attraverso il nome di uno stage simbolo del gioco (New Donk City), attraverso il ritorno poligonale della donzella (ormai sindaca) da lui rapita, Pauline. L'ultimo passaggio sarebbe proprio quello di riportare Donkey Kong nello stesso universo di Super Mario.

Un passaggio rischioso, ma probabilmente sensato. Rare non c'è più (o meglio, non è più con Nintendo) e Retro Studios è tornata ad occuparsi di Metroid Prime: non esiste più un team riservato allo sviluppo delle avventure di Donkey Kong. E Donkey Kong è un brand troppo importante e prestigioso per essere chiuso a chiave nell'armadio.

Donkey Kong: Tropical Freeze: anche Cranky Kong sarà nel film!
Donkey Kong: Tropical Freeze: anche Cranky Kong sarà nel film!

A questo punto, rischiando di fare una colossale figuraccia, non ci resta che sommare quanto detto finora, e trarre le conclusioni. È sensato che esca un gioco di Super Mario assieme al film, a fine 2022? Assolutamente sì. È possibile o no in base alle pubblicazioni Nintendo? Non solo è possibile, è molto probabile. I due "team Mario" non pubblicano niente da anni. Nel film ci sarà Donkey Kong? Sì, ci sarà. Bene, se esiste effettivamente il "gioco del film", in quel gioco ci sarà anche Donkey Kong.

Non abbiamo basi concrete per ipotizzare se possa trattarsi di un progetto tridimensionale o bidimensionale, o di una via di mezzo tra i due; fatto sta che, a nostro parere, sperando che le nostre motivazioni vi abbiano convinto, non dovremmo sorprenderci se il prossimo anno, in prossimità del film, Mario e Donkey Kong dovessero riunirsi in un videogioco moderno ad alto budget.