Cyberpunk 2077, i rimborsi sono poca cosa rispetto agli incassi: ecco le cifre

A quanto pare le spese che CD Projekt RED ha dovuto sostenere per far fronte ai rimborsi di Cyberpunk 2077 sono poca cosa rispetto agli incassi: ecco le cifre esatte.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   22/04/2021
166

Aggiornamento: le cifre legati ai rimborsi sono state aggiornate e sono maggiori di quanto precedentemente pensato. Ecco i calcoli aggiornati dagli analisti.

Notizia originale:
I rimborsi che CD Projekt RED ha dovuto accordare agli utenti insoddisfatti di Cyberpunk 2077 non rappresentano che una somma trascurabile rispetto agli incassi che il gioco ha garantito allo studio polacco, a quanto pare: parliamo di appena 2,17 milioni di dollari.

A poche ore dall'annuncio delle vendite pari a 13,7 milioni di copie nel 2020 per Cyberpunk 2077, il consulente Mike Futter ha cercato di fare chiarezza sulla situazione rivelando appunto le cifre esatte relative ai rimborsi e confrontandole alle entrate.

Ebbene, gli incassi record totalizzati da CD Projekt RED nel 2020 grazie proprio a Cyberpunk 2077, pari a ben 563,7 milioni di dollari, non vengono minimamente intaccati da quei 2,17 milioni, che rappresentano appena lo 0,385% del totale.

La verità, dice Futter, è che "la campagna di rimborso è stata utilizzata solo da una piccola percentuale di utenti. Si è trattato più che altro di un'ottima mossa pubblicitaria in termini di gestione della crisi."

Insomma, le furiose polemiche che hanno accompagnato il lancio di Cyberpunk 2077 provenivano a quanto pare da una minoranza rumorosa, mentre il grosso degli utenti insoddisfatti non ha agito concretamente.

Sarebbe più che altro interessante capire, aggiunge Futter, quale sia l'entità del danno economico legata alla rimozione del gioco dal PlayStation Store, che ha impedito a quegli incassi di aumentare ulteriormente.