Harry Potter RPG esiste ma non si sa quando verrà annunciato, dice Jason Schreier 103

Harry Potter RPG o comunque il nuovo gioco di grosso calibro da parte di Warner Bros. esiste davvero ma non sappiamo ancora quando verrà annunciato, dice Jason Schreier.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   14/06/2020

Harry Potter RPG, o come si chiamerà il nuovo videogioco di grosso calibro basato sulla celebre serie di romanzi e film, esiste ed è in sviluppo ma non ci sono ancora indicazioni sul suo annuncio ufficiale, secondo Jason Schreier.

Il nuovo gioco di Harry Potter era tra i sorvegliati speciali per quanto riguarda questa estate, ma vari eventi sono già passati senza che se ne sia fatta menzione, dunque cominciava a serpeggiare l'idea che il misterioso Harry Potter RPG comparso per la prima volta in un leak con video qualche anno fa, in verità non esistesse.

Non è così: il sempre ben informato Jason Schreier, che possiamo prendere ormai come fonte decisamente affidabile, ha affermato che il gioco esiste ed è in sviluppo. "Alle molte persone che lo chiedono, sì, il gioco di Harry Potter che era trapelato due anni fa esiste ancora", ha affermato il giornalista di Bloomberg nel tweet riportato qui sotto, tuttavia "Non ho idea di quando verrà annunciato", ha aggiunto.

Possiamo dunque mantenere aperte le aspettative per il gioco di Harry Potter, che dovrebbe essere una produzione di grosso calibro affidata ai team di Warner Bros., forse ad Avalanche Software, e il suo annuncio ufficiale potrebbe ancora arrivare nel corso dell'estate. Da notare che, sempre per quanto riguarda Warner Bros., non ci sono state informazioni nemmeno sul famoso nuovo Batman, nonostante anche questo sia ormai atteso da parecchio tempo.

Schreier ha peraltro fatto un riferimento anche alla questione nata in seguito alle dichiarazioni considerate transfobiche di J.K. Rowling, aggiungendo "Sono solidale con gli sviluppatori comunque, immagino che lavorare a un gioco di Harry Potter in questo momento sia complicato", riferendosi chiaramente alle polemiche che hanno colpito l'autrice e la sua opera in questi giorni.

Da questo punto di vista, da notare come Schreier abbia fatto ironia anche proprio sul gioco di Batman: "sono sicuro che anche lavorare a un gioco incentrato su un super-poliziotto miliardario possa essere complicato", ha detto riferendosi ovviamente alle attuali proteste e manifestazioni.