The Elder Scrolls 6 e altri giochi in sviluppo presso Bethesda: dettagli da un leaker

The Elder Scrolls 6 e vari altri progetti da parte di Bethesda sono stati commentati con vari dettagli dal leaker Skullzi, ma si tratta solo di voci di corridoio.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   26/04/2022
62

Skullzi, leaker che sembra essersi specializzato in questi anni sul mondo Bethesda, ha rilasciato alcune possibili informazioni su The Elder Scrolls 6 e altri progetti in sviluppo presso Bethesda, che ovviamente prendiamo esclusivamente come dubbie voci di corridoio, ma che risultano interessanti soprattutto perché la fonte in questione sembra poter contare su qualche aggancio possibile.

Prima di tutto, per quanto riguarda The Elder Scrolls 6, il leaker in questione ha riferito che si trova attualmente in pieno sviluppo, anche se ancora non in fase avanzata, con l'uscita che potrebbe avvenire tra il 2025 e il 2026, addirittura. Il nuovo capitolo sarebbe ambientato ad Hammerfell, ambientazione caratterizzata peraltro da un complesso "sistema politico" simulato.

Secondo Skullzi, in The Elder Scrolls 6 vari elementi come tradimenti, matrimoni e fazioni avrebbero un'importanza notevole nel mondo di gioco, ma pare non vi sia spazio per i draghi, che non comparirebbero nel nuovo capitolo.

Il leaker conferma che i team di Austin e Montreal di Bethesda Game Studios starebbero lavorando a Spyteam, nome in codice già emerso in precedenza per un misterioso gioco in lavorazione all'interno della compagnia. Roundhouse starebbe lavorando a un gioco PvPvE che "potrebbe sorprenderci", mentre Zenimax Online sarebbe al lavoro su un MMO di The Mandalorian.

Tra le altre voci, ci sarebbe un reboot di Quake "in discussione", oltre a remaster di The Elder Scrolls e Fallout in sviluppo presso InXile. Ci sarebbe poi sarebbe poi anche un gioco strategico di tipo 4X incentrato sull'universo di The Elder Scrolls e, infine, parrebbe che Xbox stia trasferendo una grande mole di risorse verso Bethesda, per supportare la compagnia con tutti i progetti in corso.

Skullzi mette le mani avanti dicendo che si tratta di cose che "ha sentito" ma che "non ha confermato" personalmente, dunque prendiamo tutto come delle semplici curiosità senza alcun fondamento verificato. In passato, il leaker in questione ha diffuso vari materiali e informazioni su Starfield, alcuni dei quali potrebbero essere autentici, anche se i collegamenti non sono mai stati confermati.