Anthem, data di uscita, gioco e altre domande più frequenti 44

A partire da quello che abbiamo visto e giocato durante l'E3 2018, abbiamo risposto alle 10 domande più frequenti su Anthem, il prossimo gioco di ruolo action di BioWare

SPECIALE di Pierpaolo Greco   —   21/06/2018

Indice

Sono in molti a essere rimasti delusi dalla strana presentazione di Anthem organizzata da Electronic Arts durante la conferenza di apertura dell'EA Play. Un trailer basato sul taglio di alcune cutscene, un'anomala (e forse anche un po' noiosa) sessione di domande e risposte sul palco con le figure chiave del team di sviluppo e poi, finalmente, alcune sequenze di gameplay interrotte però dal costante chiacchiericcio e analizzate solo superficialmente dai presentatori. In realtà, chi scrive questo articolo ha avuto l'opportunità di provarlo in esclusiva dal vivo, proprio durante l'evento pre-E3 e, come scritto nel provato di Anthem, a cui vi rimandiamo per tutti i dettagli, quello che si è trovato davanti è un titolo molto interessante in termini di gameplay e davvero notevole sul fronte tecnico. In altre parole, il prossimo gioco di BioWare ha, a nostro parere, tutto il potenziale per farsi notare e per stupire positivamente anche i giocatori più scettici. Considerato però che del gioco si conoscono ancora pochissimi dettagli e visto che alla sua uscita mancano ancora molti mesi, in questi giorni abbiamo raccolto alcune delle domande più ricorrenti e siamo pronti per rispondere ad esse nel tentativo di fugare alcuni vostri dubbi. Ovviamente se ne avete delle altre fatele nei commenti e cercheremo di aiutarvi.

Che cos’è Anthem? Quando è prevista l'uscita e per quali piattaforme?

Anthem è un gioco di ruolo action con visuale in terza persona sviluppato da BioWare e prodotto da Electronic Arts. Sarà giocabile esclusivamente online ma non va considerato un MMO per via del numero ristretto di giocatori presenti su ogni server, né un titolo solo multiplayer visto che potrà essere giocato anche in solitaria. Inoltre si configura come un GaaS, un Games as a Service, ovvero i cosiddetti giochi servizio, quindi proporrà una iniezione costante di nuovi contenuti con l'obiettivo di offrire sempre qualcosa di nuovo da fare anche per chi gioca centinaia di ore al mese. Anthem uscirà il 22 febbraio 2019 su PC, PlayStation 4 e Xbox One. Al momento non è prevista una versione per Nintendo Switch.

È già attiva la campagna di pre-ordine del gioco con un'edizione speciale, la Legione Aurora, che contiene alcuni pacchetti aggiuntivi in-game per personalizzare in modo esclusivo i propri Javelin. Anthem entrerà anche a far parte della formula Origin Access Premier annunciata di recente solo su PC: chi si abbonerà al servizio potrà giocare al titolo completo con alcuni giorni di anticipo.

Anthem è uguale a Destiny?

Sì e no. Sì perché i punti di contatto con il gioco di Bungie sono moltissimi. Ma così come lo sono con gran parte degli altri titoli della tipologia GaaS. Nel concetto di un videogioco che si evolve nel tempo, che propone contenuti aggiuntivi a cadenza periodica, che insomma fa di tutto per continuare a stimolare il giocatore a entrare nel mondo virtuale, Anthem è simile non solo a Destiny, ma anche a un The Division, un PUBG o Fortnite, oppure un GTA Online o League of Legends.

In particolare con Destiny, il gioco BioWare condivide anche l'ambientazione fantascientifica e, a prima vista, la gestione della mappa e del mondo di gioco: un'area abbastanza vasta esplorabile liberamente e senza alcun caricamento, dove sono presenti numerose attività e collezionabili che il giocatore può avviare e raccogliere a suo piacimento.
Allo stesso tempo, per quel poco che si è visto e abbiamo provato, Anthem sembra non avere la stessa predisposizione verso la ricerca spasmodica del loot che è tipica di Destiny e appare più profondo per ciò che concerne la narrativa e la presentazione delle missioni. È in altre parole più vicino alla tradizione dei giochi BioWare di quanto si possa pensare ed è probabile che l'endgame, così come la fase di leveling, sia maggiormente focalizzato sul rivivere e rigiocare le missioni più divertenti e interessanti invece che sul grinding e la raccolta di equipaggiamento sempre migliore. Inoltre la sua visuale è in terza persona, come quella di The Division, non in prima persona come quella di Destiny.

Anthem si gioca solo online?

Sì, Anthem è un gioco "always online", che richiede cioè la connessione permanente a internet e ai server Electronic Arts per funzionare. Non sappiamo ancora se ci sarà una fase di selezione dei server o se tutta la parte dell'interfacciamento con la rete e il matchmaking rimarranno invisibili al giocatore. È però sicuro che i propri avatar risiederanno sul server così da scongiurare qualsiasi rischio cheat. La connessione sarà ovviamente richiesta per accedere al mondo online e sarà necessaria anche nel caso in cui si vogliano svolgere le missioni in solitaria, senza altri giocatori.

Anthem è anche un gioco single player oppure è solo multiplayer?

Anche in questo caso è difficile dare una risposta univoca. Nel suo concetto di gioco always online (come spiegato nella domanda precedente) che si svolge in un mondo persistente abitato da numerosi altri giocatori, è scontato che Anthem vada classificato come titolo multiplayer. Allo stesso tempo però è ben lontano da un PUBG o un Rainbow Six: Siege o un League of Legends visto che il gameplay non si risolve negli scontri tra giocatori ma nell'affrontare degli scenari e dei nemici gestiti dal computer esattamente come avviene negli altri giochi di ruolo di BioWare. Sotto questo aspetto Anthem può quindi essere considerato un gioco single player con elementi cooperative visto che, esattamente come avviene con Destiny o con The Division, è assai probabile che la fase di leveling, quella in cui si fa crescere il proprio personaggio, possa essere affrontata in solitaria, senza la presenza di altri giocatori. Ovviamente in qualsiasi momento sarà possibile invitare gli amici con il classico drop-in, drop-out che permetterà loro di unirsi a noi anche quando una missione è in corso, se magari il livello di sfida è troppo alto, o se si vogliono provare le avventure più complesse che andranno a comporre, probabilmente, l'endgame.

Dovrò pagare un abbonamento per giocare ad Anthem?

Anthem non avrà un abbonamento mensile da dover pagare sullo stile di World of Warcraft o altri, vecchi, MMO. Non sarà necessario neanche essere abbonati a EA Access o Origin Access anche se, essendolo, si avrà accesso a contenuti aggiuntivi e, su PC tramite la formula Premier annunciata durante l'E3, sarà possibile iniziare a giocare al titolo BioWare con alcuni giorni di anticipo rispetto al suo arrivo sul mercato. Anche se al momento non ci sono informazioni precise in merito, considerata la natura multiplayer e always online di Anthem, è probabile che sia richiesto di avere una sottoscrizione attiva a PlayStation Plus o Xbox Gold per avviare correttamente il gioco. Magari Electronic Arts adotterà una soluzione simile a quella utilizzata da Bungie con Destiny consentendo ai giocatori di affrontare determinate tipologie di missioni o di esplorare specifiche zone anche senza l'abbonamento ai servizi a pagamento delle due console.

Ci sarà il giocatore contro giocatore (PvP) in Anthem?

Al momento Anthem è disegnato e progettato come un'esperienza PvE: giocatore contro ambiente. Il mondo di gioco, le missioni, l'esplorazione sono tutte impostate in modo da rappresentare una sfida attraverso l'uso di nemici guidati dal computer. Sarà sempre possibile gestire questi combattimenti in compagnia di uno o più amici visto che il cooperative è parte integrante del gioco attraverso il classico drop-in, drop-out mostrato anche durante la presentazione dell'EA Play di quest'anno. Sembra che al massimo i team possano essere composti da quattro giocatori ma è possibile che per le attività più difficili e complesse, questo limite venga aumentato. Al lancio Anthem non offrirà invece alcun tipo di modalità PvP: questo vuol dire che non sarà possibile combattere contro altri giocatori. BioWare si è affrettata a confermare che probabilmente questa opzione verrà implementata successivamente ma non è ben chiaro se sarà innestata nel normale mondo di gioco, alla World of Warcraft o come avverrà per il prossimo Fallout 76, oppure se sarà relegata a specifiche istanze o sezioni dello scenario a cui bisognerà accedere per abilitare il PvP. Sullo stile di quanto avviene in Destiny o The Division.

In Anthem ci saranno le classi? Come potrò personalizzare il mio avatar?

Anthem non avrà un sistema rigido di classi. Anche se al momento non sono state distribuite informazioni sulla fase di creazione del personaggio né è stato mai mostrato l'aspetto fisico del protagonista, è assai probabile che all'avvio della prima partita dovremo impostare il nostro avatar lavorando su tutti i suoi connotati fisici ed estetici, come da tradizione BioWare. Mancherà tuttavia la selezione di una classe visto che la specializzazione del protagonista sarà relegata all'uso dei Javelin, gli esoscheletri simbolo del mondo di Anthem. Ce ne saranno quattro diversi, ognuno dedito a un ruolo e uno stile di gioco ben differenti. Troveremo il Guardiano, il classico tuttofare adatto a ogni situazione ma che non eccelle in nessun campo; il Colosso, il più lento, corazzato e dotato delle armi più pesanti che funge anche da tank; l'Intercettore, il più rapido di tutti, molto utile nelle fasi esplorative e di scouting o per tattiche di guerriglia mordi e fuggi; e infine ci sarà la Tempesta, il mago: quello in grado di infliggere ingenti danni sulla distanza ma capace anche di andare giù con pochissimi colpi. Il giocatore potrà liberamente alternare l'uso di questi Javelin scegliendo quello da utilizzare all'inizio di ogni missione anche se al momento non è ancora ben chiaro come potremo sbloccarli nel corso dell'avventura. È inoltre possibile avere più Javelin della stessa tipologia durante le missioni e in questo senso accorre in aiuto del giocatore la possibilità di personalizzare l'esoscheletro non solo a livello estetico attraverso l'uso di colori e livree per alterare il design della corazza, ma anche a livello funzionale grazie alla scelta delle armi principali e secondarie montate sul robot. È credibile pensare che anche le abilità speciali e la ultimate abbiano un minimo di varietà e permettano un'ulteriore specializzazione del Javelin a proprio gusto e in funzione del ruolo che si vuole impersonare.

Ci saranno interazioni con i personaggi non giocanti in Anthem?

Anche su questo fronte le informazioni sono molto scarse e spesso anche in contrasto tra loro. È probabile che Anthem abbia una struttura a missioni abbastanza classica che unisca lo stile dei giochi BioWare alle ultime tendenze esplorative e di raccolta dei collezionabili. Ci sarà quindi sicuramente una quest principale che ci guiderà attraverso il mondo di gioco accompagnandoci durante la fase di leveling e facendoci prendere contatto con tutti i vari Javelin e con le attività cardine del gameplay. Ma è probabile che potremo imbatterci anche in numerose quest secondarie che verranno assegnate sempre dai medesimi personaggi non giocanti che popoleranno la città principale di Anthem, Fort Tarsis, oppure dai nostri comprimari che abitano la piccola base mobile che abbiamo intravisto durante la presentazione dell'EA Play di quest'anno. Probabilmente queste missioni serviranno a raccogliere equipaggiamento di livello superiore o a migliorare i rapporti con questi stessi personaggi o magari con eventuali fazioni di appartenenza. È interessante segnalare che dopo i primi annunci che sembravano confermare l'assenza di qualsiasi relazione amorosa con i PNG, BioWare si è affrettata ad aggiungere che, se i giocatori richiederanno a gran voce questa possibilità, potrebbe venire aggiunta in seguito con dei DLC dedicati. Direttamente mutuata dalla struttura di Destiny ci aspettiamo infine che il mondo di gioco di Anthem contenga un numero consistente di collezionabili che potranno essere trovati esplorando in lungo e in largo la mappa di gioco e recandosi presso le varie icone che si sono intraviste in un momento della presentazione.

Anthem avrà dei DLC?

Anche se non ci sono dichiarazioni ufficiali da parte di BioWare, essendo Anthem un GaaS, avrà sicuramente dei contenuti aggiuntivi (DLC) che inizieranno a essere distribuiti poco dopo il lancio del gioco. Ovviamente non possiamo sapere cosa conterranno ma è facile immaginare che saranno tutti completamente dedicati all'end game, a tenere insomma impegnati i giocatori che avranno già completato la quest principale del gioco e magari avranno già raccolto tutto l'equipaggiamento migliore che Anthem è in grado di offrire. Quello che invece ignoriamo è se questi DLC saranno distribuiti con una cadenza regolare e massiccia, mensilmente ad esempio, oppure se seguiranno una struttura più simile a quella delle espansioni viste in Destiny con una pubblicazione diluita nel tempo. Non sappiamo neanche se andranno acquistati o se saranno disponibili in forma gratuita ma su quest'ultimo aspetto possiamo fare qualche ipotesi. Considerato infatti che la campagna per pre-ordinare il gioco è già attiva e non prevede alcun tipo di season pass neanche all'interno dell'edizione più costosa, la Legione Aurora, ci sentiamo abbastanza tranquilli nell'affermare che i primi DLC, magari quelli del primo anno, saranno distribuiti gratuitamente con l'obiettivo di mantenere stabile e coinvolta l'utenza del gioco con una mossa di marketing similare a quella annunciata di recente per The Division 2.

In cosa consiste l’end game di Anthem?

Questa è probabilmente la domanda più complessa di tutto l'articolo e non è un caso che abbiamo scelto di lasciarla per ultima. Al momento nessuno lo sa. Non è ben chiaro se ci saranno delle attività progettate specificatamente per chi ha raggiunto il massimo livello e completato la quest principale; dei raid o delle istanze per intenderci. Oppure se non ci sarà nulla di così specifico ma diventerà possibile ripetere tutte le missioni già fatte in precedenza magari con un livello di difficoltà maggiorato che si sbloccherà solo una volta raggiunto l'end game. Quello che sappiamo con relativa certezza è che, mentre la prima parte del gioco, quella relativa al leveling, ci vedrà affrontare il Dominio, la fazione avversaria che infesta il pianeta Tarsus, successivamente dovremo vedercela con il conflitto e il caos che affliggono il mondo in seguito alla scomparsa degli dei che lo hanno costruito. Ci saranno missioni giornaliere e settimanali e roccaforti da conquistare che si resetteranno periodicamente per mantenere alto nel giocatore l'interesse a tornare a giocare Anthem.

Anthem ps4

xone  pc  ps4 

Data di uscita: 22 Febbraio 2019

Acquista su Multiplayer.com a 59,90 €