Ghost of Tsushima: Le furie di Forte Imai – Racconti dal Sol Levante

Ecco l'ultimo capitolo dei Racconti dal Sol Levante, serie di articoli ispirati al mondo di Ghost of Tsushima

SPECIALE di Mattia Pescitelli   —   22/11/2020
2

Vi abbiamo raccontato le vicende di un ronin, di un viandante, di un tagliagole e di un samurai. In questo ultimo capitolo di Racconti dal Sol Levante, serie di articoli ispirati al mondo di Ghost of Tsushima, vi narreremo l'epico epilogo delle avventure di questa misteriosa famiglia di combattenti.
Ritrovatisi casualmente a Forte Imai, i cinque fratelli devono unire le forze per liberare la regione dall'oppressione mongola.

Ghost Of Tsushima 20201022125603

Sol Levante

Le tenebre avvolgevano ancora le terre di Tsushima quando i cinque fratelli si ritrovarono nuovamente uniti contro un obiettivo comune. Il comandante di Forte Imai li aveva attirati in quell'esatto luogo, proprio in quella sera di luna piena.
Decisero che sarebbe stato più consono colpire alle prime luci dell'alba, quando la nebbia si sarebbe alzata. Così rimasero tutta la notte a parlare intorno a un fuoco da campo spento, inutilizzato da parecchio tempo.

Parlarono di cosa li aveva portati a Forte Imai, di come i loro cammini si fossero incrociati, quasi come se il destino li avesse nuovamente fatti riunire per ostacolare l'invasore mongolo. Discussero delle vie che avevano scelto di seguire, dell'allontanamento. Litigarono, risero, criticarono gli stili di vita intrapresi dagli altri fratelli.
L'alba si avvicinava, ma a loro sembrava di aver appena cominciato a parlare. Il tagliagole si alzò, facendo capire agli altri che l'ora era giunta.

Ghost Of Tsushima 20201022124009

Fu il primo a entrare. Si intrufolò di nascosto arrampicandosi su di una palizzata posizionata vicino a un grosso macigno. Una volta entrato, salì sul tetto di uno degli edifici. Dato l'orario, si poteva udire solo il tintinnio dell'equipaggiamento dei soldati, il che gli rendeva estremamente facile la loro localizzazione.
Scese velocemente dall'edificio e si intromise in una stanza. Qui una guardia si stava alzando, svegliato dai primi raggi del sole. Il tagliagole sentì le assi scricchiolare e si diresse subito in tale direzione, sguainò il pugnale e lo conficco nella gola del soldato, che non emise neanche un fiato.

Ghost Of Tsushima 20201022124714

Il comandante

Adagiato il corpo del nemico al suolo, il mercenario cieco uscì dalla struttura, in quanto attirato da diversi passi. Aveva tutta l'aria di essere una scorta per qualche importante figura militare.
Senza ulteriori indugi, tentò di cogliere i nemici alle spalle, ma il comandante si accorse ben presto della presenza del guerriero. L'energumeno si voltò di scatto e colpì il grugno dell'assassino con un pugno devastante, che lo scaraventò a diversi metri di distanza. Il sangue gli colava copiosamente dal naso.
Il comandante mongolo estrasse la lama, pronto a finire il tagliagole frastornato. Tuttavia, non si accorse che la morte stava calando su di lui.

Il samurai si fiondò al suolo dal tetto dell'edificio, atterrando alle spalle del nemico. Senza proferire parola alcuna, gli conficcò la lama nella schiena. Questa trapassò la spessa armatura, fuoriuscendo dal petto con un rivolo di sangue.
La scorta era terrorizzata alla vista di quell'essere. I suoi occhi sembravano ardere. Le corna sul suo elmo erano tinte di rosso. Il ghigno sul suo volto ricordava quello di un demonio. Il samurai estrasse la lama e la passò velocemente sul collo del comandante. La sua testa volteggiò in aria tre volte prima di cadere ai piedi dei soldati. Gli uomini mongoli abbandonarono le loro armi e fuggirono in tutta fretta.
Il samurai si avvicinò al fratello e lo aiutò a sollevarsi. Il lavoro non era ancora finito. Ora bisognava liberare il forte.

Ghost Of Tsushima 20201022125539

La battaglia di Forte Imai

I quattro fratelli combattevano come furie. Sembravano foglie al vento che danzavano all'unisono, scambiandosi i nemici, incrociando gli attacchi e sferrando poderosi fendenti combinati.

Ghost Of Tsushima 20201022130757

Lottarono e lottarono. Ma i nemici continuavano ad arrivare. Gli allarmi erano ormai stati lanciati. Guerrieri mongoli si riversavano all'interno del forte da ogni parte della regione.
Passarono diverse ore, ma i fratelli continuavano a resistere. Riuscirono perfino a liberare dei prigionieri che, grazie all'aiuto del quinto fratello, il bardo, raggiunsero i vicini villaggi per cercare aiuto.
Le voci delle furie di Forte Imai viaggiarono velocemente in tutto il territorio, arrivando alle orecchie dei più abili guerrieri di Tsushima, che si misero subito in viaggio, diretti verso la battaglia.

Ghost Of Tsushima 20201022131556

Nel frattempo, i quattro fratelli resistevano. Ma, quando il sole iniziò a calare, la situazione degenerò. Le loro lame erano smussate e il loro vigore si stava esaurendo.
Il viandante e il tagliagole stavano respingendo una nuova ondata nemica, quando una lancia ferì il primo. Il fratello cercò di aiutarlo, ma il viaggiatore solitario lo respinse. Quest'ultimo fu accerchiato. Le lame iniziarono a calare su di lui. Deviò più colpi possibile, ma fu comunque sopraffatto.

Ghost Of Tsushima 20201022131043

Il tagliagole capì che non c'era più niente da fare e si allontanò. Dall'altra parte del forte, anche il ronin cadde, ma non prima di aver portato con sé diversi nemici.

Ghost Of Tsushima 20201022131915

Poi, fu l'ora del samurai, fiero di cadere in combattimento con l'armatura della famiglia che una volta serviva con tanto affetto. Combatté fino a che non esalò l'ultimo respiro.

Ghost Of Tsushima 20201022130332

Il tagliagole cieco senti cadere i suoi fratelli. Ci fu un lungo silenzio, che si tramutò in diversi passi, sempre più pesanti, diretti verso la sua posizione. Ogni via di fuga era bloccata. Il tagliagole non si fece intimidire dal numero dei suoi avversari e si lanciò nella mischia. Con le ultime forze che aveva in corpo, eliminò i soldati, uno dopo l'altro. Ma una lama gli trafisse una gamba. Cadde al suolo e non riuscì più a rialzarsi.
Un soldato si avvicinò lentamente. Levò la lama, alta. D'un tratto, il rumore di corni e tamburi scosse l'aria in tutte le direzioni. Grida e latrati si facevano sempre più intensi al di fuori delle mura di Forte Imai.
Il tagliagole, udendo tali suoni, si rasserenò. Sorrideva, mentre la lama lo trapassava. Sorrideva, perché Tsushima era ancora disposta a combattere.

Ghost Of Tsushima 20201022132353

"Bel racconto, vecchio, ma sappiamo tutti che non è andata così."

Buon uomo, come fate a dire che ciò che racconto non ha mai avuto luogo?

"Le furie di Forte Imai?! È stata una rivolta a permettere l'espugnazione del forte, portata avanti dal popolo. Non c'erano "furie", samurai con strane armature né tanto meno guerrieri ciechi quel giorno. Solo il valoroso popolo di Tsushima! Mio padre era presente e ha perso la vita durante quel feroce scontro. Voi, invece, come fate a conoscere queste bizzarre storie? Eravate lì con loro mentre eliminavano i nemici sul loro cammino o espugnavano accampamenti? Non da quanto raccontate, visto che gli unici a sopravvivere alle vicende erano questi fantomatici guerrieri di cui nessuno ha mai sentito parlare e dei quali continuate a blaterare da giorni."

Mi ascoltate da tutto questo tempo, eppure ancora non sentite. Ripensate al racconto. A quell'incontro fortuito durato una notte, durante il quale cinque fratelli hanno avuto modo di riappacificarsi. Cinque fratelli e solo quattro cadaveri, persi nel mare di vittime di quella giornata gloriosa per le terre di Tsushima.
Come faccio a conoscere queste vicende? Apri gli occhi. Manca un cadavere all'appello. Un cadavere che continua a camminare sin da quel giorno. A vagare per queste terre come un fantasma. Un cantastorie, memoria ultima di un popolo che vuole dimenticare. L'ultimo erede di una stirpe dimenticata. Un bardo.
Ti è chiaro ora?

Ghost Of Tsushima 20201022130539

Questo era il quinto e ultimo capitolo dei nostri Racconti dal Sol Levante. Speriamo vivamente che abbiate apprezzato questa serie di articoli dedicati al mondo di Ghost of Tsushima.
Per il momento è tutto, ma ci auguriamo di poter applicare il format anche ad altri titoli di prossima uscita. Nel frattempo, fateci sapere cosa ne pensate e, magari, qual è il videogioco al quale vorreste vedere applicato questo processo creativo.