Fortnite, Ninja è convinto che molti streamer vogliano la morte del gioco e spiega il perché 63

Secondo Ninja, Fortnite ha ultimamente molti nemici tra gli streamer che vorrebbero veder scomparire il gioco in attesa di un nuovo fenomeno di massa.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   12/01/2020

Il celebre Tyler 'Ninja' Blevins è convinto che molti streamer siano ormai schierati più o meno apertamente contro Fortnite e che sperino nella morte del gioco, per un motivo molto preciso.

Secondo Ninja, che è passato recentemente da Twitch a Mixer destando grande scalpore nella comunità videoludica ma restando comunque per la maggior parte sempre fedele a Fortnite, il titolo Epic Games si sarebbe attirato l'inimicizia di molti streamer non tanto per difetti intrinseci del gioco in sé, quanto per la difficoltà di emergere all'interno della sua comunità, diventata nel frattempo altamente competitiva.

L'idea di Ninja è che molti streamer stiano attaccando Fortnite e semplicemente sperando nel suo tramonto in modo che possa poi diventare popolare un altro gioco in cui sia più facile emergere, anche grazie a un livello di competizione fisiologicamente più basso, all'inizio.

Si tratterebbe dunque di persone che se la prendono con Fortnite per la propria incapacità di emergere, nella visione di Ninja: "Sono così bravo, ma nessuno mi guarda, allora Fortnite fa schifo! È cattivo!" Ha affermato Blevins facendo il verso ai presunti streamer che ce l'hanno con Fortnite, "Quando verrà fuori il prossimo gioco così potrò fare gli streaming e diventare il più forte?"

D'altra parte, Ninja è convinto che invece Fortnite non scomparirà mai, come affermato da lui stesso nel corso del medesimo streaming, parlando con il compagno di gioco Reverse2k.