Resident Evil Village: il primo grande titolo del 2021 si avvicina, con una demo assurda

Sale l'attesa per Resident Evil Village che si preannuncia un gioco veramente grosso e interessante, ma la modalità di distribuzione della demo è da mal di testa.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   16/04/2021
47

Resident Evil Village potrebbe essere facilmente il primo grande gioco del 2021, considerando la celebrità della serie, la dimensione della produzione e il fatto che coinvolga buona parte delle piattaforme presenti sul mercato. La presentazione andata in scena la notte scorsa non fa che confermare queste grandi aspettative sul nuovo capitolo della serie, giustificate, d'altra parte, dal grande lavoro svolto da Capcom negli ultimi anni sul franchise. Da una parte i remake, che hanno trovato in Resident Evil 2 uno dei migliori giochi usciti nella generazione in conclusione, dall'altra la rivoluzione di Resident Evil 7 che ha convinto davvero tutti, nonostante i mille dubbi (anche giustificati) sul cambiamento radicale di impostazione con l'adozione della prima persona e la modifica sostanziale di ambientazione e atmosfere. Resident Evil Village sembra tornare un po' nei ranghi per quanto riguarda alcune caratteristiche, soprattutto perché si nota in maniera piuttosto evidente l'ispirazione da Resident Evil 4, sebbene si discosti anche da questo per trovare uno spirito piuttosto peculiare.

Il ritorno a un'ambientazione rurale ed esotica (almeno per una produzione nipponica) vicina alle atmosfere dell'Est Europa è molto gradito, ancora di più se condito con questo particolare misto di folklore locale, leggende europee e la solita mitologia interna alla serie Resident Evil, con tanto di misteri legati a una vera e propria istituzione come Chris Redfield. Il nuovo trailer della storia pubblicato ieri notte in occasione della nuova presentazione di Resident Evil Village lascia intuire sviluppi interessanti sulla trama, facendo capire meglio come questo capitolo sia un seguito diretto di Resident Evil 7 e dando sostanza alle voci di corridoio che lo vorrebbero parte di una nuova trilogia destinata a concludersi con Resident Evil 9. Oltre agli elementi narrativi, abbiamo potuto vedere anche qualche nuova sequenza di gameplay, anche grazie al video uscito in precedenza sugli upgrade e sulla caccia, e le fasi di gioco rinforzano i riferimenti al quarto capitolo della serie che finora si intuivano soltanto. Nelle fasi all'aperto sembra veramente di tornare alle atmosfere di Resident Evil 4, pur rimanendo legato anche alla struttura di Resident Evil 7 e al suo andamento tipico nella fasi all'interno delle strutture.

News Art Home Page 2020 21

Qualcosa del gameplay potrà poi essere effettivamente provata con il rilascio della seconda demo da parte di Capcom, questa volta incentrata soprattutto sul gameplay invece che sulle atmosfere e l'ambientazione, a cui puntava la prima demo "Maiden". E qui veniamo a un altro argomento di discussione: le modalità di rilascio della seconda demo di Resident Evil Village lasciano infatti alquanto perplessi, data l'astrusità scelta dalla casa di Osaka per consentire l'accesso alla versione di prova del gioco. Ormai anche le demo rientrano nelle elaborazioni strategiche di esclusive, mezze-esclusive, esclusive temporali e simili, pertanto non stupisce che le piattaforme PlayStation la ricevano prima, anche se dopo la prima demo in esclusiva assoluta si pensava che quest'altra fosse accessibile da tutti nello stesso momento, visto che manca meno di un mese all'uscita del gioco e poi - soprattutto - si tratta pur sempre di una semplice demo. Invece si crea questo sistema frazionato di accesso a una versione di prova che risulta ulteriormente spezzettata. Ricapitolando: su PS4 e PS5 il pre-load è già disponibile, mentre l'accesso alla demo sarà anticipato ma diviso in due parti, come abbiamo riportato:

  • Demo del Villaggio da 30 minuti, per PS5 e PS4: dal 18 aprile (19:00) fino al 19 aprile (03:00), ora e data italiana
  • Demo del Castello da 30 minuti, per PS5 e PS4: dal 25 aprile (19:00) fino al 26 aprile (03:00), ora e data italiana

Infine, verrà distribuita una demo unica da 60 minuti, per tutte le piattaforme e contenente entrambe le fasi distribuite inizialmente in maniera separata, dal 2 maggio (02:00) fino al 3 maggio (02:00), ora e data italiana. Tutto chiaro? Ma non abbiamo ancora finito: l'ulteriore restrizione è legata al tempo di utilizzo della demo, con Capcom che ha deciso di riproporre il tipico limite alla fruizione, per un totale di 60 minuti di gioco. 30 minuti a parte per quanto riguarda le prime due sezioni: dunque nel caso delle due demo in anteprima su PS4 e PS5 avete rispettivamente 8 ore per effettuare il download e giocare la demo, ma questa dura comunque 30 minuti. Insomma, in pratica fareste probabilmente meglio ad abbandonare altri impegni e organizzare scuola e lavoro in modo da avere il tempo di star dietro alla demo di Resident Evil Village. Allo stesso modo, anche la versione definitiva dovrebbe avere il tempo limite imposto di 60 minuti, una soluzione che avevamo già visto anche per Resident Evil 2. Tutte queste complicazioni sembrano far calare più che incrementare l'attesa per la prova, tanto più che il gioco definitivo ormai è praticamente alle porte, ma per il futuro ci piacerebbe davvero vedere Capcom tornare alle buone vecchie demo rilasciate normalmente e giocabili tranquillamente da tutti.