The Last of Us 2: il confronto fotografico con la realtà esalta il lavoro di Naughty Dog

Il confronto fotografico tra la realtà e gli scenari di The Last of Us 2 esalta il lavoro certosino fatto da Naughty Dog per ricostruire le ambientazioni.

NOTIZIA di Luca Forte   —   06/03/2021
109

Indipendentemente da come la si possa pensare sul gioco o su Naughty Dog, è impossibile negare come lo studio californiano con The Last of Us 2 sia riuscito a far avanzare il media videoludico sotto un gran numero di aspetti. Tecnologicamente e artisticamente, infatti, The Last of Us Parte II è un lavoro di certosina bellezza, capace di spremere al limite la potenza di PlayStation 4. Il confronto fotografico pubblicato su Twitter da "softlyevermore" metta a confronto la realtà con gli scenari ricostruiti in The Last of Us Part 2 e consente di ammirare la cura con la quale sono state scelte e rielaborate divere parti di Seattle.

Quello di Naughty Dog, infatti, non è stata una "semplice" ricostruzione dello stato di fatto, ma è stata una selezione critica di alcuni dei punti più significativi di quella parte di costa pacifica che sono stati rielaborati in modo da essere funzionali alla narrazione e al gameplay di The Last of Us 2.

Qualche settimana fa vi avevamo raccontato del processo che l'ex lead artist di Naughty Dog John Sweeney aveva seguito per costruire un capolavoro, adesso softlyevermore mostra le similitudini e le differenze tra la realtà e il gioco.

Comunque la si veda, il lavoro artistico e di ricerca del team è davvero eccezionale ed è chiaramente una delle ragioni che ha consentito a The Last of Us 2 di fare incetta di premi Game of the Year