The Last of Us 2: gli occhi hanno richiesto un grande lavoro per Naughty Dog

I personaggi di The Last of Us 2 hanno richiesto un lavoro extra per rendere gli occhi più vitali possibile, hanno spiegato i Naughty Dog.

NOTIZIA di Giorgio Melani —   28/06/2021
73

The Last of Us 2 è uno dei giochi più impressionanti visti in questi ultimi anni dal punto di vista grafico, soprattutto per quanto riguarda la modellazione dei personaggi e le animazioni, e c'è un particolare che può far capire quanto tempo è stato investito anche nella realizzazione di particolari minimi come gli occhi dei personaggi.

Nuovi dettagli sullo sviluppo da parte di Naughty Dog sono stati svelati al SIGGRAPH 2020 lo scorso marzo, ma sono emersi ora per la pubblicazione delle varie slide di presentazione. Durante l'evento, il technical art director Waylon Brinck e il technical artist Steven Tang hanno illustrato alcune caratteristiche specifiche dello sviluppo di The Last of Us 2 in particolare sull'elaborazione degli occhi e dello sguardo dei vari personaggi.

In The Last of Us 2, la realizzazione degli occhi dei personaggi ha richiesto un lavoro extra
In The Last of Us 2, la realizzazione degli occhi dei personaggi ha richiesto un lavoro extra

A quanto pare, si è trattato di un processo più lungo del previsto: secondo quanto riferito dai due sviluppatori, inizialmente era possibile ottenere dei risultati ottimali solo in presenza di determinate condizioni di illuminazione e inquadrature, cosa che ha portato Naughty Dog ad evolvere l'intero processo di rendering in modo da migliorare specificamente la zona degli occhi.

L'idea era di riuscire a creare qualcosa di dotato di "maggiore vita" rispetto ai modelli originali. Dopo un periodo di ricerca, sono state inserite nuove tecniche come ombreggiature tipo "screen space shadow" in corrispondenza di ciglia e palpebre, in modo da rendere meglio la profondità.

Come derivazione di questo lavoro sugli occhi, è stato inserito anche il particolare effetto degli occhi riflettenti sulle varie creature presenti in The Last of Us 2, come gli infetti. Tutto è partito dallo studio su alcuni lupi imbalsamati presenti nello scenario, ma l'effetto finale è stato talmente positivo da essere esteso anche alle altre creature: in sostanza, gli sviluppatori hanno creato nuove parti di codice in modo da applicare l'effetto iridescente delle pupille che riflettono la luce come quelle degli animali notturni, e l'hanno utilizzato anche per gli infetti.

The Last of Us 2 ha celebrato il primo anniversario proprio nei giorni scorsi, mentre si attendono notizie sul prossimo lavoro di Naughty Dog, che potrebbe essere un gioco multiplayer stand alone.