Super Mario 35: Mario su Switch

Siamo arrivati all'ultima puntata di questa serie di articoli sui trentacinque anni di Super Mario Bros.: stavolta parliamo di Nintendo Switch, e del suo rapporto con l'idraulico.

SPECIALE di Alessandro Bacchetta   —   02/12/2020
18

Eccoci arrivati all'ultima puntata del nostro speciale sui trentacinque anni di Super Mario Bros.; siamo giunti alla contemporaneità, a Nintendo Switch. Prima di analizzare come e in che modo si è espresso il baffuto idraulico sulla piattaforma ibrida, ripercorriamo le cinque puntate che ci hanno portato a questo punto: abbiamo iniziato il nostro cammino presentandovi i tanti papà di Super Mario, per poi narrare il nintendiano Big Bang chiamato Super Mario Bros. Siamo passati a rivivere la Mario Mania - tra la fine degli anni '80 e l'inizio '90 - e abbiamo parlato del salto tridimensionale, della sua rivoluzione e dei suoi galattici successi, fino ad arrivare al revival della serie bidimensionale con New Super Mario Bros., e alla coppia 3D Land/World, che quelle meccaniche lineari ha provato a benedirle anche in tre dimensioni.

Tra Super Mario 3D World per Wii U (2013) e il suo successore, Super Mario Odyssey (2017), sono trascorsi ben quattro anni, all'interno dei quali Nintendo è riuscita a risollevarsi - commercialmente - come meglio non avrebbe potuto. È stato un periodo difficile, nel quale l'azienda ha anche dovuto fronteggiare la prematura morte del suo presidente, Satoru Iwata. Il team interno numero 8, quello edochiano, decise di riportare la saga tridimensionale alle sue origini, quelle esplorative. Le ha aggiornate alla contemporaneità, riempiendo gli stage di contenuti e adattando il ritmo di gioco anche a sessioni brevi.

Super Mario 35: Mario su Switch

Super Mario Odyssey è stato accolto trionfalmente e, se non è stato premiato con abbastanza "GOTY" dalle riviste specializzate, principalmente è stato per colpa di Breath of the Wild. Ha chiuso in bellezza un anno, il 2017, che verrà ricordato a lungo come tra i migliori della compagnia. Si tratta di un gioco bello, ricco e profondo: un'avventura (e un platform) adatta a tutti, dai neofiti ai giocatori esperti. Un'opera dall'ambizione smisurata che, pur con quale lieve calo, presenta il sistema di controllo più morbido e fluido dell'intera saga tridimensionale, nonché il Mario più vivo che si sia mai visto: grazie ai tanti costumi, ma soprattutto a delle superbe animazioni.

Non casualmente Super Mario Odyssey ha quasi raggiunto venti milioni di copie (un traguardo che, probabilmente, agguanterà presto), risultando di gran lunga il Super Mario tridimensionale - e il platform tridimensionale - più venduto della storia. Non ci sono studi accademici o statistiche a riguardo (o, se esistono, noi non li abbiamo trovati), ma non è impossibile che le nuove generazioni, sempre più abituate a muoversi in ambienti tridimensionali, abbiano aiutato il successo di questo gioco, e contribuito a minimizzare tutte quelle difficoltà - relative al passaggio dal 2D al 3D - che avevano segnato i decenni precedenti.

Super Mario Maker e 2D

I giochi legati al brand Super Mario sono innumerevoli; non dovendo creare un'enciclopedia, in questo speciale abbiamo deciso di concentrarci, con una scelta assolutamente arbitraria, su quelli che consideravamo più importanti, e legati al filone principale (quello platform, su home console).

Essendo arrivati a trattare Nintendo Switch, non possiamo non parlare di Super Mario Maker 2, seguito del gioco/editor uscito alla fine del ciclo vitale di Wii U. Si tratta di un titolo divertente e poliedrico, col quale sbizzarrirsi attraverso un editor estremamente intuitivo e ricco: si possono comporre livelli bidimensionali utilizzando le skin di tutti i principali Super Mario 2D, con l'aggiunta - in questo seguito per Switch - dell'engine estrapolato da Super Mario 3D World. Il piatto forte di questa produzione, naturalmente, risiede nella condivisione e nella fruizione degli stage online.

Hacp Baaq Illu01 02 R Ad 0

Non è l'unico modo, per fortuna, di esperire le avventure bidimensionali dell'idraulico su Nintendo Switch. A inizio 2019 è stato pubblicato New Super Mario Bros. U Deluxe, un adattamento del gioco di lancio per Wii U, con l'aggiunta del DLC tematico di Luigi e delle introduzioni a tutela dei neofiti; voleste saperne di più, qui trovate la recensione.

Sottoscrivendo un abbonamento a Nintendo Switch Online, potete anche giocare a tutti gli episodi per NES e SNES, di cui abbiamo lungamente parlato nelle prime puntate di questo speciale. C'è Super Mario Bros., ci sono i due Super Mario Bros. 2 (perdonateci la formulazione verbale). Sono giocabili gli strepitosi Super Mario Bros. 3, Super Mario World e Yoshi's Island.

Super Mario 3D e... gli altri

Nintendo Switch non ha una vera e propria Virtual Console, quantomeno non paragonabile a quelle apprezzate su Wii e Wii U. Tuttavia, grazie alla recente pubblicazione di Super Mario 3D All-Stars (disponibile, lo ricordiamo, solamente fino al 31 marzo 2021), è possibile giocare anche su Nintendo Switch a (quasi) tutti i Super Mario tridimensionali, in una veste più moderna e adattata alle esigenze ibride della piattaforma Nintendo. Per oscuri motivi (nella recensione, che trovate qui, avevamo avanzato delle ipotesi) all'interno della raccolta non è stato inserito Super Mario Galaxy 2.

In occasione dei trentacinque anni di Super Mario Bros. è stato pubblicato - anch'esso in via temporanea - Super Mario Bros. 35, un particolare Battle Royale basato sul classico per NES. Il titolo è stato sviluppato da Arika - la software house responsabile anche di Tetris 99 - e, se avete una abbonamento a Nintendo Switch Online, è scaricabile gratuitamente.

Smb35 Scrn Item 001

Come scrivevamo poc'anzi, la saga di Super Mario - o meglio, il brand - non si esaurisce certo ai platform. La serie spin-off più celebre è sicuramente quella di Mario Kart, che su Switch è arrivata con l'edizione Deluxe di Mario Kart 8, uno degli episodi migliori mai creati, e col recente Mario Kart Live: Home Circuit, sviluppato in collaborazione tra Velan Studios e Nintendo. Non vi bastasse, foste abbonati a Nintendo Switch Online (scusate se lo ricordiamo sempre, ma non vorremmo illudervi), potreste giocare anche all'adrenalinico capostipite della serie: Super Mario Kart.



Oltre che idraulico, acrobata e pilota, Super Mario ha storicamente rivestito tanti altri ruoli, e le sue apparizioni su Switch non fanno eccezione. Lo troviamo in Super Mario Party, celebre ibridazione tra gioco da tavolo e videogame. Appare come tennista nel sottovalutato ma egregio (soprattutto in multiplayer, offline e online) Mario Tennis Aces, e come pistolero nell'italiano e pregiatissimo Mario + Rabbids: Kingdom Battle (qui l'intervista al suo direttore, Davide Soliani). Infine, eccolo protagonista di un parodistico gioco di ruolo, nel recente Paper Mario: The Origami King che, pur diverso dai predecessori, ha riportato la serie Intelligent Systems su livelli molto alti.

Il futuro su Switch

Nintendo Switch a marzo 2021 compirà quattro anni, e avrà superato la metà - teoricamente - del proprio ciclo vitale. Tuttavia, la storia di Super Mario su questa piattaforma non è ancora giunta al termine. Innanzitutto, il 12 febbraio 2021 arriverà l'adattamento di Super Mario 3D World: porterà con sé un'inedita modalità online, una velocità di gioco aumentata, ma soprattutto una nuova parte d'avventura, denominata Bowser's Fury. Al momento abbiamo alcuni indizi ma nessuna certezza: potrebbe essere incentrata sul power-up Mario Gatto e, visto com'è stata presentata, ci attendiamo una modalità piuttosto corposa.

Nswitch Supermario3Dworldandbowsersfury 03

EPD 8, oltre a sviluppare Bowser's Fury, dovrebbe essere al lavoro - prima di passare alla prossima console? - su un ultimo gioco d'azione per Nintendo Switch. Ne avevamo parlato qui: dovrebbe essere in 2D, ma non è detto che sia Super Mario.

Prima che Switch lasci il passo al suo successore, di sicuro ci aspettiamo un inedito episodio bidimensionale. Come abbiamo scritto nella puntata precedente, non viene pubblicato un nuovo Super Mario 2D da ben otto anni. La nostra speranza è che venga fatto con lo stesso amore con cui è stato realizzato Super Mario Odyssey, per donare ulteriore linfa vitale a questa serie che, in più di trent'anni, non ha mai smesso di stupire.